Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, aborto. In piazza Dante l'incontro Angolo Divulvativo del collettivo Women Talking

piazza dante

Un incontro in piazza a Grosseto per parlare liberamente di aborto, dopo l'approvazione dell'emendamento Malagola. "Il collettivo femminista Women Talking invita la cittadinanza a partecipare all'Angolo Divulvativo, un incontro che si terrà in piazza Dante sabato alle 17 - dice il collettivo -. L'incontro sarà un momento di condivisione e dibattito su quello che sta accadendo in Italia: il 23 aprile è stato approvato l'emendamento Malagola. Si tratta di una legge che legittima a livello nazionale l'ingresso delle associazioni anti-abortiste nei consultori, una pratica già diffusa grazie all'art. 2 della legge 194, che innanzitutto tutela la maternità e solo successivamente legalizza l'aborto".

"In un'Italia che erode ogni giorno il diritto all'autodeterminazione, è fondamentale unirci contro l'ennesimo ostacolo posto tra noi e la nostra libertà. Abbiamo deciso di farlo invitando delle professioniste del settore: Giovanna Conte, attivista transfemminista, Giuliana Gentili, militante storica per il diritto all'aborto, Elena Colucci e Linda Lüthi, ostetriche; pronte a condividere la propria esperienza e conoscenza su questi temi fondamentali per la salute e l'autonomia delle donne - concludono dal collettivo -. L'Angolo Divulvativo sarà un'opportunità per informarsi, condividere esperienze e strategie, e soprattutto per ispirare azioni concrete. Le donne devono essere al centro delle decisioni che riguardano il proprio corpo e il proprio futuro, e questo incontro si propone di promuovere un dialogo aperto e inclusivo su come difendere e promuovere questi diritti fondamentali. Vi invitiamo quindi a partecipare numerose e numerosi a questo evento, a portare le vostre domande, le vostre esperienze e soprattutto il vostro impegno per un'Italia che finalmente dia spazio alla libertà di autodeterminazione di tutte".