Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Santa Fiora, inaugurazione per i sentieri turistici: una passeggiata pensata per le famiglie

Il programma Il programma

Un momento importante per il turismo dell'Amiata. Saranno infatti inaugurati sabato 11 maggio 2024, a Santa Fiora, con una passeggiata, che parte alle ore 9 da piazza Garibaldi, i "Sentieri di Santa Fiora", un progetto di valorizzazione turistico fruitiva dei boschi a monte del centro abitato, finanziato dal Comune, con i fondi dell'Unione Europea (Piano di Sviluppo Rurale Psr 2014-2022, sottomisura 8.5/2020) per un investimento di circa 120mila euro.
L'iniziativa è gratuita e sarà possibile partecipare senza prenotazione. Si tratta di 3 percorsi facili, ad anello, di diversa lunghezza, percorribili in senso orario, pensati per essere affrontati anche dalle famiglie o comunque da persone poco allenate: il grosso di questi percorsi, infatti, è costituito da strade bianche, facilmente percorribili. La filosofia del progetto è proprio quella di avvicinare al patrimonio forestale ed ambientale del territorio, una fascia di popolazione sempre più ampia, costituita non solo da escursionisti, ma anche da persone che vogliono stare a contatto con la natura, facendo una bella passeggiata in totale sicurezza.
Ecco i tre percorsi e tutte le relative informazioni: l'anello delle Mura del Terraio è il più semplice e corto. Richiede un tempo di percorrenza di 1 ora e mezza per una lunghezza totale di 5,3 chilometri ed è il percorso che sarà proposto sabato 11 maggio per l'inaugurazione. L'anello Santa Fiora- Bagnore è abbastanza lungo ma estremamente agevole, quasi privo di pendenze. Richiede 2 ore e mezza di percorrenza per un totale di 8,5 chilometri. Poi c'è l'anello di Poggio Trauzzolo che è il più impegnativo e lungo: richiede un tempo di percorrenza di 3 ore e 10 per un totale di 9,7 chilometri.
"L'investimento del Comune - fanno sapere dall'Ente - ha consentito di creare i percorsi ad anello andando a riqualificare i sentieri, già esistenti con il posizionamento della segnaletica (frecce orizzontali e vernice sui sassi) e dei pannelli con le informazioni storiche sui punti di maggiore interesse, che si incontrano lungo il cammino, come ad esempio la Madonna del Castagno nell'anello Santa Fiora-Bagnore; il pannello con la storia del Poggio o il pannello a Fonte Spilli sul deposito di sabbia cilicea. Sono state inoltre installati 15 punti informativi con la riproduzione della carta dei sentieri. È stata ristrutturata l'area di sosta della Valletta, dove viene fatta la festa estiva della Fiaschetta. Sono state posizionate lungo i percorsi delle panchine per la sosta, ed è stata riqualificata la fonte del Pescinello, nella parte alta della foresta sotto fonte delle Monache. A questo si aggiunge la pulizia e la sistemazione del fondo dei sentieri in alcuni tratti che risultavano impraticabili e nei quali è stato effettuato anche il taglio delle piante che invadevano il percorso. È stata poi ripassata la segnaletica dei sentieri CAI (le strisce bianche e rosse) presenti nella zona a monte di Santa Fiora che si intersecano con i percorsi ad anello. Sono state posizionate infine delle tabelle dedicate alla toponomastica dei luoghi, in modo da preservare la memoria della storia del bosco che era fatta di frequentazione di persone che davano un nome ben preciso, spesso legato a vicende particolari. Il progettista e direttore dei lavori è David Pozzi di Agro-Dendrostudio di Prato. Il Comune ha inoltre stampato 1000 copie delle cartine sui 3 percorsi ad anello, che sono disponibili presso l'ufficio turistico".
Info: 371 6219625 - santafioraturismo@gmail.com