Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Cinigiano, Giovanni Lanzini presenta i candidati della sua lista e il programma per il territorio

giovanni lanzini Giovanni Lanzini presenta la sua squadra

Il candidato sindaco Giovanni Lanzini ha presentato i candidati della sua lista Fare Cinigiano e il programma per il futuro del territorio. "Si è tenuta martedì 21 maggio in una sala consiliare del Comune di Cinigiano tanto gremita quanto attenta e calorosa la presentazione ufficiale della squadra di governo che lo sostiene e del programma del candidato sindaco Giovanni Lanzini, in vista delle elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno prossimi - si legge nel comunicato stampa -. Giovanni Lanzini, il candidato sindaco per la lista civica Fare Cinigiano, non proviene dal mondo della politica ma da quello della scuola, della musica e della cultura e si è messo volentieri a disposizione per il suo paese di nascita su richiesta di quelle forze civiche e progressiste trasversali nei vari schieramenti politici che vogliono per il Comune un cambio di passo e una discontinuità con il passato. In una prolusione densa di emozione, Lanzini ha ricordato la sua infanzia nella mia terra e fra la mia gente e i suoi primi passi nella banda paesana e ha concluso di essere orgoglioso non solo del suo nato a Cinigiano sui propri documenti ma anche di voler governare un territorio al quale è attaccatissimo".

Il candidato ha presentato quindi ai cittadini la squadra di Fare Cinigiano, composta da:

Daniele Barsanti 57 anni, elettricista, vive a Monticello Amiata
Filippo Becchi 51 anni, impiegato amministrativo, vive a Sasso d'Ombrone
Luca Fabiani 41 anni, produttore vitivinicolo, vive a Cinigiano
Mattia Giannetti 25 anni, imprenditore edile, vive a Poggi del Sasso
Enxhi Kaja 29 anni, operatore socio-sanitario, vive a Cinigiano
Bianca Niculita 23 anni, laureanda in lingue e letterature straniere, vive a Sasso d'Ombrone
Clarissa Pieraccini 25 anni, imprenditrice agricola, vive a Poggi del Sasso
Daniele Puggioni 48 anni, imprenditore edile e agricolo, vive a Cinigiano
Angela Salusti 65 anni, ex commerciante e imprenditrice agricola, vive a Borgo Santa Rita
Arianna Sani 28 anni, commercialista contabile, vive a Porrona

Dopo i singoli saluti da parte dei candidati è stato quindi presentato il programma di governo di Fare Cinigiano, composto da dieci cosa da fare subito per il Comune oltre a quattordici obiettivi per il Comune di Cinigiano verso il 2030.

"I dieci obiettivi prioritari del programma riguardano alcune priorità irrinunciabili quali il raggiungimento del 65% della raccolta differenziata dei rifiuti con l'utilizzo dei risparmi per ridurre la tariffa sui rifiuti a tutte le attività commerciali e turistiche, la realizzazione di comunità energetiche per ridurre le spese per famiglie e attività economiche, la revisione del contratto con Estra gas per la metanizzazione del territorio, le modifiche ai regolamenti comunali per il contrasto ai fenomeni del sovraffollamento abitativo e il potenziamento del controllo sul territorio per il contrasto al caporalato ma anche decisi interventi nei confronti della Usl per il ripristino del terzo medico di famiglia nel Comune, la presenza giornaliera di personale infermieristico amministrativo e quella settimanale dei medici specialistici anche mediante il supporto delle Misericordie - si legge ancora nel comunicato -. Completano le priorità il sostegno alle attività produttive mediante il recupero degli immobili pubblici e privati, la realizzazione di una casa di riposo per anziani e il sostegno amministrativo e finanziario per la partecipazione di operatori abitanti nel comune a fiere nazionali ed internazionali per la promozione turistica e dei prodotti del territorio. Una riflessione a parte, infine, sulla posizione del Comune di Cinigiano nei rapporti con l'Unione dei Comuni amiatini con particolare riferimento alle aree montane del territorio cinigianese e alla gestione del demanio di San Martino a Poggi del Sasso. I quattordici obiettivi poi, che proietteranno il comune verso il 2030, hanno come oggetto la scuola e i servizi scolastici, l'attenzione e la valorizzazione del volontariato e dell'associazionismo, il governo dell'immigrazione e della legalità, lo sviluppo economico del territorio, l'agricoltura e la zootecnia, la riqualificazione urbana dei centri storici, le energie rinnovabili, il turismo culturale e sostenibile, la sanità e il sostegno alla persona e alla famiglia, oltre alle politiche fiscali, l'accesso ai fondi e ai bandi nazionali ed europei, l'attenzione verso il personale dipendente comunale e la trasparenza amministrativa".