Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Follonica, i bambini della scuola primaria Rodari realizzano mille gru di carta per Nagasaki

gru pace nagasaki Una delle gru realizzate. Foto: Biblioteca della Ghisa

Un messaggio di pace dalla Maremma al Giappone. Le mille Gru di carta le hanno realizzate davvero. Perché la Pace è il loro più grande desiderio. Sono i bambini e le bambine delle scuola primaria Rodari dell'Istituto comprensivo Follonica1 che anche quest'anno sono in prima fila nel progetto internazionale "Mille gru per la Pace in volo verso Nagasaki" promosso dal fotografo Massimo Bersani.

L'anno zero del progetto "Mille Gru" ci riporta agli inizi del Duemila quando Bersani si recò in visita a Nagasaki per cercare sopravvissuti alla bomba atomica. Da lì l'idea ? riprendendo una antica leggenda giapponese secondo cui realizzando Mille gru di origami i propri desideri saranno realizzati- di portare l'iniziativa nelle scuole italiane. E ogni anno le "Mille gru" di carta costruite dagli alunni e dalle alunne italiane sono inviate a Nagasaki per essere poi esposte in occasione della commemorazione della esplosione della atomica, nel mese di agosto.

E nella mattina di mercoledì 27 marzo, dopo un interessante laboratorio nella biblioteca comunale realizzato in collaborazione con Ayuka Sonobe esperta di origami e di cultura giapponese, i piccoli allievi e e le piccole allieve della Rodari hanno consegnato al sindaco Andrea Benini e al giornalista Massimo Bersani tutte le gru che hanno costruito in classe. E non solo. Le classi della scuola "Rodari" hanno anche diffuso sui social un video-tutorial (accessibile tramite codice Qr) con i passaggi per costruire le gru di origami che può essere poi consegnata nella sede centrale dell'Istituto comprensivo Follonica1, in via Gorizia.

L'iniziativa, che per Follonica è alla settima edizione, è realizzata grazie alla collaborazione con

il Comune di Follonica, i due Istituti comprensivi, le associazioni Cisc e RealGiallu.