Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, basket: i biancorossi chiudono il campionato contro il Pontedera. Scurti torna in campo

Lorenzo Scurti Lorenzo Scurti in campo

Ultima gara casalinga della regular season per la Gea Basketball Grosseto che mercoledì alle 21 affronta al Palasport di via Austria la cenerentola Bellaria Cappuccini Pontedera, nella penultima giornata del campionato di Divisione Regionale 1. I ragazzi di Marco Santolamazza sono reduci da una straordinaria prestazione sul campo del Valdicornia Venturina, persa di quattro punti, dopo aver condotto per la maggior parte del confronto ed essersi arresi solo dopo un tempo supplementare, e scenderanno in campo con l'obiettivi di confermarsi per mettere altri due punti nella classifica per cercare di salire almeno al quinto posto alla fine del campionato, sfruttando gli scontri diretti favorevoli contro Valdicornia (che gioca l'ultimo incontro, prima del riposo) e Calcinaia. Quello di mercoledì sera non sarà un match dall'esito scontato, in quanto Pontedera all'andata ha giocato un brutto scherzetto ai grossetani, imponendosi per 94-85. Nel match del 17 dicembre scorso la Gea scese in campo senza capitan Furi e Liberati e non riuscì a fermare i pisani in giornata di grazia al tiro. Il coach recupera per questa occasione Lorenzo Scurti, che ha scontato le tre giornate di squalifica e che potrà dare una mano importante ai compagni nelle ultime due sfide prima dei playoff promozione.
"Bisogna continuare in quello è stato fatto bene sabato - dice l'allenatore Marco Santolamazza - e occorre giocare con lo stesso approccio e proseguire a comportarsi da squadra".
La classifica: Libertas Lucca 34; Ineos Rosignano 32; Donoratico 30; Valdicornia 28; Caponi Calcinaia 26; Gea Grosseto e Castelfranco Frogs 24; Carrara Legends 22; Invictus Livorno, Vela Viareggio, Audax Carrara 18; Liburnia 8; Bellaria Cappuccini Pontedera 6.
Arbitri: Lorenzo Cecchini di Livorno e Cosimo Zanzarella di Rapolano Terme.