Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, hockey. La società biancorossa saluta Michele Achilli dopo due stagioni serie a1

Michele Achilli Michele Achilli

Si separano le strade tra il Circolo Pattinatori Grosseto e l'allenatore Michele Achilli.
Lo ha ratificato martedì sera il consiglio direttivo della società biancorossa, nel corso di una seduta convocata per tracciare un bilancio della stagione appena conclusa e gettare le basi per la prossima. Il tecnico originario di Follonica lascia la panchina biancorossa dopo due indimenticabili stagioni in serie A1. Nel 2022-2023 ha portato l'Edilfox, al secondo turno di Champions League, al quarto posto nella regular season, alla final four di Coppa Italia (con la finale svanita ai supplementari contro Lodi) e alle semifinali con Trissino. Nel 2004 Achilli ha condotto il quintetto biancorosso al sesto posto in campionato, ai quarti di finale di Coppa Italia. I rigori a oltranza con Igualada (poi vincitrice del trofeo) hanno negato l'accesso ai quarti di Coppa Cers, mentre nei playoff il Cp Grosseto ha visto svanire le semifinali per un palo nei supplementari di gara3 dei Quarti a Follonica.
"A Michele Achilli va il nostro ringraziamento per il lavoro svolto in queste due stagioni e i migliori auguri per il proseguimento della carriera", dice il presidente Stefano Osti, il quale aggiunge: "per la sostituzione dell'allenatore sono ancora al vaglio della società alcune soluzioni". Il consiglio direttivo del Circolo Pattinatori ha preso anche atto del ritorno in Argentina del granitico difensore Mario Rodriguez "un giocatore straordinario per doti tecniche e umane". Il portiere spagnolo Adria Català ha deciso di sistemarsi a Sandrigo; Alessandro Franchi e Max Thiel hanno firmato con il Follonica. Il Circolo Pattinatori per il 2024-2025 riparte quindi dal capitano e bomber Pablo Saavedra (nei playoff ha superato le 200 reti in biancorosso) e da Stefano Paghi, due bandiere di una squadra che negli ultimi quattro anni, dal ritorno nella massima serie, ha regalato grandi soddisfazioni agli appassionati.