Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, le associazioni possono ottenere contributi per i centri estivi. Al via il bando

Le attività estive Le attività estive

Centri estivi dove imparare musica e teatro, avvicinarsi ai mestieri dell'artigianato o anche le nuove tecnologie, dove praticare sport o dove trascorrere una vacanza insieme agli amici. Torna per la sesta edizione il bando E-state Insieme di Fondazione CR Firenze che mette a disposizione 500 mila euro per le attività proposte a bambini e ragazzi durante la pausa estiva. Fino al 29 marzo 2024 le associazioni del Terzo Settore e le scuole possono presentare i loro progetti destinati ai loro studenti dagli 8 ai 13 anni.
Lo scorso anno il bando ha dato la possibilità di organizzare sul territorio della Città metropolitana di Firenze e delle Province di Arezzo e Grosseto 42 centri estivi.
In questa edizione il bando E-state Insieme intende aprire la possibilità di partecipare ai centri estivi anche a bambine e bambini vittime dei Paesi in conflitto. Le proposte dovranno coinvolgere in modo prioritario minori in situazioni di fragilità economico-sociale e di povertà educativa anche su indicazione dei servizi sociali ed è importante che prevedano il coinvolgimento degli studenti con disabilità. Sono ammessi corsi, stage, seminari, laboratori pratici, che avvicinino a scopo orientativo ad attività artigianali e delle professioni di ogni tipo come anche attività educative e ricreative a carattere residenziale in rifugi e ostelli. Sono previsti progetti che avvicinino alle arti performative (teatro, cinema, documentari, musica, danza) attraverso corsi tenuti da personale qualificato come anche attività di avvicinamento allo sport. L'obiettivo finale è di dare l'opportunità a tanti bambini e ragazzi di sfruttare l'estate per fare nuove scoperte, di muoversi all'aria aperta, di divertirsi insieme ai coetanei e organizzare al meglio il loro tempo libero rispondendo alle esigenze organizzative delle famiglie.