Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, gli Industri sono Monumento nazionale. Megale: "Lega in prima fila per l'approvazione"

riccardo megale Riccardo Megale

Un prestigioso riconoscimento per la cultura grossetana. "I teatri sono, da sempre, sinonimo di cultura e quindi vanno preservati e valorizzati - afferma Riccardo Megale, assessore della Lega -. In quest'ottica, con soddisfazione, segnaliamo che il Parlamento ha approvato, con la Lega in prima fila, una proposta di Legge che ha permesso al nostro teatro Degli Industri, assieme a molti altri teatri, di diventare Monumento nazionale - Un risultato importante per i nostri territori che vedono la presenza di questi qualificati luoghi di spettacolo che, da oggi, hanno un ulteriore motivo di pregio in qualità di monumenti".

Megale ricorda che il nostro Teatro ha radici nel 1800, quando, dopo la costituzione dell'Accademia degli Industri, due cittadini grossetani, Stefanopoli e Tognetti, acquistarono un fondo che fu inaugurato come teatro con il titolo di Regio, il 3 gennaio 1819. Da allora il teatro, rinnovato negli anni e adeguato alle normative, è diventato parte della nostra storia e della nostra cultura, ospitando eventi artistici importanti e costituendo uno spazio di aggregazione nel cuore della città, pur attraverso vicissitudini e rimaneggiamenti che ne alterarono la funzione e le caratteristiche. Adesso, ristrutturato e restituito alla cittadinanza nel suo attuale aspetto sia estetico che funzionale, è al centro di eventi culturali di assoluto spessore.