Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, un percorso per gli studenti grossetani: competenze trasversali e orientamento lavorativo

Gli studenti in visita alle imprese Gli studenti in visita alle imprese

Con l'avvicinarsi del diploma, e dunque delle scelte cruciali per il futuro, il Polo tecnologico Manetti-Porciatti di Grosseto ha coinvolto gli studenti delle classi terze, quarte e quinte in un percorso per le competenze trasversali e per l'orientamento. Il progetto Il mio percorso Pcto al Polo tecnologico Manetti-Porciatti, finanziato dalla Regione Toscana, vede come capofila l'istituto scolastico e come partner Assoservizi, l'agenzia formativa di Confindustria Toscana Sud, e la Scuola edile grossetana. Una delle iniziative è stata la visita ad alcune aziende. Oggi, venerdì 22 marzo, 72 studenti delle quattro classi IV Elettrotecnica, Elettronica, Informatica e telecomunicazioni e web specialist sono stati ospiti delle aziende Elmu, Eurovinil, Noxerior e Toscano nell'Area Punto Zero, il polo manifatturiero di via Genova; il giorno precedente, giovedì 21 marzo, i 21 studenti della classe IV Costruzioni, ambiente e territorio avevano visitato le imprese Toniolo e Lauria.
Il progetto avvicina gli studenti al mondo delle imprese e qualifica l'offerta formativa scolastica, proponendosi un duplice obiettivo: da un lato rispondere al fabbisogno di forza lavoro delle imprese e dall'altro orientare le scelte post-diploma dei giovani verso una formazione tecnica che privilegi le materie Stem (Science, Technology, Engineering, Mathematics), nell'ottica di uno sviluppo orientato a un'economia 5.0.
"Esiste un legame profondo tra scuole e imprese - dichiara Giovanni Mascagni, responsabile della delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud e direttore dell'agenzia formativa Assoservizi - e questo legame va sempre rafforzato e alimentato da momenti di incontro e confronto che sono finalizzati ad accompagnare gli studenti alla scoperta delle proprie attitudini e passioni. Questo obiettivo lo possiamo raggiungere grazie alla disponibilità delle imprese del territorio che aprendosi al mondo della scuola possono far conoscere la realtà del lavoro di oggi e condividere quelle che sono le possibili opportunità occupazionali".
"I percorsi per le competenze trasversali - dichiara il dirigente scolastico Claudio Simoni - hanno rappresentato, sin dall'istituzione di quella che all'epoca era l'alternanza scuola-lavoro, un valido aggancio per il nostro Istituto tecnico con il territorio e la sua variegata realtà lavorativa. Col tempo sono stati consolidati rapporti di collaborazione che hanno dato ulteriore linfa alla metodologia didattica applicata all'interno della nostra scuola, la quale è rivolta alla traduzione del sapere teorico in senso pratico e aggiornato. Questo intreccio di rapporti con il mondo lavorativo locale, e le associazioni di categoria che rappresentano i settori d'impresa verso i quali gli indirizzi di studio del Polo tecnologico sono maggiormente vocati, ci ha consentito di sviluppare progetti sempre più complessi e meglio articolati, al fine di consentire ai nostri studenti di vivere un effettivo percorso di autoconsapevolezza delle proprie competenze, capace di culminare in un valido orientamento verso le opportunità lavorative e formative che attendono i neodiplomati. Il progetto Il mio percorso Pcto al Manetti Porciatti, finanziato dalla Regione Toscana, è l'esempio più recente e maggiormente strutturato che sia stato finora organizzato: coinvolge il triennio di tre indirizzi del Polo tecnologico e coniuga temi legati alla formazione sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro con educazione all'impresa, formulazione di un curriculum vitae anche in lingua inglese, autovalutazione delle competenze in termini di orientamento ed esperienze dirette in azienda, come sta avvenendo questa mattina. Si tratta di una formula vincente nata da una sinergia, ormai consolidata, con partner efficienti e affidabili come Assoservizi e Scuola edile grossetana".
"La stretta collaborazione tra le imprese e il mondo scolastico - dichiara Giuseppe Biagioli, direttore della Scuola edile grossetana - riveste un ruolo cruciale nell'assicurare un passaggio dinamico degli studenti verso il mondo del lavoro. I percorsi di formazione e orientamento sono essenziali perché offrono agli studenti un'opportunità concreta di esplorare diverse carriere, acquisire esperienza pratica e sviluppare le competenze necessarie per avere successo nel loro percorso professionale futuro. Il concreto impegno e sostegno di aziende consolidate e strutturate del nostro territorio agevola ulteriormente il percorso, offrendo una preziosa prospettiva sulle conoscenze richieste per il mondo del lavoro di oggi. In questo contesto gli enti bilaterali del sistema dell'edilizia svolgono un ruolo cruciale nel fungere da ponte tra le imprese e le istituzioni educative, essendo centrali nel facilitare il dialogo tra due mondi distinti ma interconnessi".