Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, dalla Regione più risorse per le persone che soffrono di disturbi autistici

Eugenio Giani Eugenio Giani

La Toscana non lascia sole le famiglie con persone che soffrono di disturbi autistici: in arrivo più risorse e nuovi provvedimenti. "L'impegno della Regione per queste persone - commenta il presidente della Toscana Eugenio Giani - non può essere messo in discussione. Anzi, i contributi e finanziamenti toscani destinati a questo tipo di disturbi sono tra i più alti in Italia".

Nello specifico: "Dopo la variazione di bilancio dei giorni scorsi, che ha già permesso di aumentare le risorse a disposizione ? spiega Giani - entro la fine di quest'anno approveremo un piano specifico sull'autismo, con relativo finanziamento. Abbiamo inoltre già deciso e firmato una circolare per continuare a garantire la continuità nella terapia Aba, su cui c'erano stati problemi, sollecitando nel frattempo una risposta a livello nazionale per avere linee guida uniformi". "Ci siamo mossi - chiarisce - dopo le preoccupazioni manifestate proprio dalle associazioni delle famiglie di persone autistiche, dimostrando quella capacità di ascolto che da sempre contraddistingue questa Regione".

"Inoltre, notizia anche questa degli ultimi giorni - conclude ? , la giunta ha approvato, assieme ad altri interventi strutturali di edilizia sanitaria e sociosanitaria, il finanziamento del campus dell'autismo in via del Terrafino nel comune di Empoli: uno spazio di un ettaro dove sorgeranno un centro diurno, luoghi di aggregazione e per attività sportive ed ambulatori specifici a servizio non solo dell'area della Città metropolitana ma dell'intera Toscana. La giunta regionale ha messo a disposizione quasi sei milioni e 500 mila euro per questo progetto, altri 800 mila li aggiungerà l'azienda sanitaria".

"L'impegno della Regione Toscana per le persone autistiche è forte considerato che i contributi e i finanziamenti destinati a questo tipo di disturbi - ribadisce ancora Giani - sono tra i più alti in Italia".