Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, la presentazione del libro Le vie di Maria nell'aula magna del Polo universitario

Don Francesco Cristofaro Don Francesco Cristofaro

Dopo il grande riscontro di un anno fa, torna a Grosseto don Francesco Cristofaro, sacerdote della diocesi di Catanzaro-Squillace, prolifico scrittore, voce radiofonica e volto televisivo (conduce su Radio Mater la rubrica Alla luce della fede e su Padre Pio TV la trasmissione Nella fede della Chiesa e Fatti per il Cielo. Collabora con Tv2000 nella trasmissione L'ora solare). Lunedi 6 maggio, alle 17, nell'aula magna del Polo Universitario Grossetano (via Ginori 43), presenterà la sua ultima fatica editoriale: Le vie di Maria (Bur, 13 euro), libro che lui stesso definisce il mio grazie alla Madonna, il mio canto e il mio bacio a lei che tiene fisso lo sguardo su di me. Interverrà Luca Agresti, assessore alla Cultura del Comune di Grosseto, mentre a moderare l'incontro sarà Marco Rossi, della Libreria Paoline.
L'iniziativa ha il patrocinio del Comune di Grosseto, della Fondazione Polo Universitario Grossetano ed è frutto della collaborazione anche con l'ufficio diocesano per le comunicazioni sociali. Don Cristofaro è è parroco nella parrocchia Santa Maria Assunta di Simeri Crichi. È nato con una paresi spastica alle gambe, ma grazie alle continue terapie riesce ancora a camminare autonomamente. È diventato sacerdote nel 2006 e ha conseguito la licenza in Teologia Spirituale presso la Pontificia Facoltà Teresianum di Roma. In questo suo libro l'autore ripercorre alcuni luoghi mariani legandoli a singole storie che hanno intrecciato la strada di Maria. Descritto come: "Un libro pieno di amore, di speranza e di tenerezza, che ci ricorda come la guarigione dell'anima sia potente e manifesta tanto quanto quella del corpo, e che nella preghiera possiamo trovare la serenità e la pace che solo Maria, nel suo infinito amore, è in grado di regalarci".