Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, Nidi gratis: oltre 13mila bambini toscani beneficiari, 40 milioni di euro per il 2024/25

asilo nido

Una misura che aiuta concretamente le famiglie. Con quasi 13mila e 500 bambine e bambini beneficiari nell'anno educativo in corso, Nidi gratis ha già raggiunto gli obiettivi fondamentali per cui è nata: produrre effetti redistributivi e allargare la platea di famiglie che fanno domanda di accesso ai servizi educativi per la prima infanzia.

Sono i numeri e le valutazioni principali del primo anno di operatività della misura voluta dalla Regione Toscana, con il contributo dell'Fse+, per aiutare le famiglie con Isee fino a 35mila euro ad abbattere le rette dei nidi e degli altri servizi educativi per la prima infanzia.

A illustrare risultati e riflessioni sui risultati il presidente Eugenio Giani e l'assessora all'istruzione Alessandra Nardini incontrando la stampa all'avvio dei lavori a La Compagnia di Firenze di Un anno di Nidi gratis in Toscana: Primi risultati e prospettive future.

Sono 13431 le bambine e i bambini che stanno fruendo della misura di rilevanza strategica per il Programma regionale Toscana Fse+ 2021-2027 e inserita in Giovanisi, il progetto regionale per l'autonomia dei giovani. Il contributo medio per ogni famiglia è stato di circa 2.340 euro. Sono 177 le amministrazioni comunali che hanno aderito, 774 i servizi per la prima infanzia comunali e privati coinvolti. Per il 72,1%, le domande ammesse riguardavano redditi Isee fino a 25mila euro. Nella provincia di Firenze il maggior numero di famiglie beneficiarie (4237). Prato è la provincia con il contributo medio più alto , con 3276 euro.

In corso di valutazione da parte degli uffici regionali l'entità della crescita del numero di famiglie che chiede di accedere ai servizi, ma le indicazioni informali che cominciano a giungere da Comuni più grandi e operatori privati fanno emergere l'effetto traino di "Nidi gratis" sulla domanda.

Il questionario di gradimento somministrato a famiglie e nuclei beneficiari registra che nell'80% dei casi "Nidi gratis" ha influito positivamente sulla decisione di iscrivere i propri figli e le proprie figlie al nido. In base alla stessa rilevazione, 97 famiglie su 100 si sono dichiarate soddisfatte della misura.

Inoltre, le iniziali valutazioni sui dati disponibili compiute dall'Istituto degli Innocenti ? esposte questa mattina dalla direttrice generale Sabrina Breschi - certificano la capacità della misura sia di favorire l'accessibilità da parte delle famiglie economicamente più fragili, sia di rispondere a un'esigenza generalizzata. Per l'anno educativo 23/24 le richieste di contributo ammesse alla misura sono infatti il 58% dei 22.619 iscritte e iscritti al 31 dicembre 2021 (ultimo dato disponibile), coprendo per il 42% la domanda di nidi pubblici e per il 65% i posti privati autorizzati al 2021.

Da Irpet, la conferma ? attraverso il suo direttore Nicola Sciclone - del carattere fortemente redistributivo della misura. L'istituto sottolinea che se il nido fosse accessibile gratuitamente a tutti, come lo è l'istruzione obbligatoria, il beneficio sarebbe maggiore per i nuclei meno abbienti. Mentre un recente studio dimostra che una retta più bassa aumenta, pur in modo contenuto, la probabilità di avere un altro figlio dopo il primo.

Nidi gratis nel 2024/2025: Nel corso dell'evento odierno l'annuncio dell'approvazione del finanziamento del nuovo bando per l'anno educativo 24/25 con 40 milioni di euro. Tra le novità del prossimo anno la possibilità di scegliere liberamente tra nidi comunali e nidi privati accreditati, senza i vincoli per accedere a nidi privati convenzionati previsti nel primo anno. Su "Nidi Gratis", la Toscana ha deciso di investire 244 milioni di euro della programmazione europea 21/27. Per l'anno educativo 23/24, le risorse utilizzate sono 31 milioni e 400 mila euro.

Come funziona Nidi gratis: Il contributo della Regione attraverso "Nidi Gratis" integra il bonus nidi erogato dall'Inps per azzerare la quota delle rette a carico delle famiglie. Ma mentre il bonus Inps viene concesso a rimborso, dopo che la retta è stata anticipata dalla famiglia, la Regione integra direttamente la quota che eccede il rimborso Inps (272,72 euro per Isee fino a 25 mila euro e 227,27 per Isee fino a 35 mila), praticando così lo "sconto" fino a concorrere all'intero ammontare di una retta mensile massima di 800 euro. I genitori con Isee fino a 35 mila non anticipano un euro. Ciascuna famiglia beneficia di uno sconto garantito dalla Regione Toscana fino ad un massimo di 5.800 euro per 11 mesi.

Chi può accedere: I nuclei familiari con bambini e bambine, residenti in Toscana, con un'età fino a 3 anni e con Isee fino a 35.000 euro. Lo sconto della Regione viene riconosciuto per i nidi ma anche per spazi gioco e servizi educativi in contesto familiare.


Informazioni e tutorial su www.regione.toscana.it/nidigratis
Contatti: per Comuni e Unioni di Comuni: bandonidigratis@regione.toscana.it
Per le famiglie: nidigratis@regione.toscana.it