Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, la politica della Lega: "Obiettivo censire e chiudere le moschee abusive in Italia"

Ceccardi e Vivarelli Colonna Ceccardi e Vivarelli Colonna

Grosseto diventa un modello. A spiegare perché è la Lega, che ha un obiettivo preciso: "Censire i luoghi di culto non autorizzati e impedire che vi permangano situazioni di illegalità, replicando a livello nazionale il modello del Comune di Grosseto che ha portato alla chiusura di una moschea abusiva travestita da finto centro culturale islamico". È l'iniziativa lanciata oggi a Grosseto dall'europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi, nel corso di una conferenza stampa nel Palazzo Comunale, alla quale hanno partecipato anche il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, l'assessore alla sicurezza del Comune di Grosseto Riccardo Megale, il consigliere regionale della Lega Massimiliano Baldini e il commissario comunale della Lega Arturo Bartoletti.
"La chiusura della moschea abusiva di via Trento è avvenuta grazie a una serie di accertamenti anche fotografici, effettuati dalla polizia locale, i quali hanno documentato che in quei locali non si faceva alcuna attività culturale ma esclusivamente di preghiera - spiega Ceccardi -. Questa è la prova che i sindaci hanno già gli strumenti per intervenire e ripristinare la legalità e la sicurezza chieste a gran voce dai cittadini. In questi luoghi di culto, finanziati non si sa bene da chi, c'è infatti il rischio che qualcuno possa propagandare idee e concetti incompatibili coi nostri valori, i nostri diritti, le nostre libertà. Penso al patriarcato islamico per cui la donna vale meno dell'uomo e per cui la legge islamica deve prevalere su quella italiana, come purtroppo evidenziano anche recenti casi di cronaca. Invito quindi i sindaci a segnalare le situazioni di irregolarità presenti nei loro Comuni per contribuire al censimento nazionale e, ove possibile, a intervenire direttamente".
In sintonia il sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna: "Quel che abbiamo fatto per via Trento con l'ordinanza emessa ? sottolinea il primo cittadino ? è un atto necessario: ho un approccio pienamente laico al mio ruolo. E sposo l'articolo 19 della Costituzione che prevede assoluta libertà di professare la propria fede, di farne propaganda e di esercitarne il culto. Ma il rispetto delle leggi deve sempre essere garantito. In via Trento questo non avveniva, con chiare violazioni alle norme sulla destinazione d'uso dei locali e con serie criticità in ambito di sicurezza, con centinaia di persone ammassate in appena 169 mq. Un sindaco ha il dovere d'intervenire: invito i miei colleghi a fare altrettanto, senza avere il timore di esporsi o di attrarre critiche di una parte politicizzata dell'opinione pubblica"."Il fatto che Susanna Ceccardi abbia scelto di lanciare proprio da Grosseto la sua campagna nazionale di una convivenza con le comunità islamiche che sia fondata sul prioritario rispetto delle regole e delle normative italiane, è politicamente molto significativo - afferma infine il consigliere regionale della Lega Massimiliano Baldini -. L'amministrazione di Grosseto è infatti un esempio davvero efficace di buon governo, attraverso il sindaco Vivarelli Colonna e una giunta in cui la Lega esprime due assessori particolarmente capaci ed apprezzati dall'intera comunità, Riccardo Megale e Sara Minozzi".