Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, Spirulina made in Tuscany e Fondazione Il Sole presentano il progetto Il sole in fattoria

il sole in fattoria Presentato il progetto "Il Sole in Fattoria"

Un'esperienza lavorativa e un cortometraggio per i ragazzi della Fondazione Il Sole. Presentato venerdì 7 giugno a Grosseto, nella sede della Severino Becagli, il progetto Il Sole in Fattoria nato dalla collaborazione tra l'azienda di Spirulina made in tuscany e Fondazione il Sole, associazione benefica attiva sul territorio grossetano attiva da sempre per il supporto quotidiano dei ragazzi e delle ragazze con disabilità fisiche e intellettive.

Il Sole in Fattoria prevede che gli ospiti diurni della Fondazione il Sole vengano inseriti per un percorso lavorativo di qualche ora a settimana all'interno delle strutture della Tenuta San Lorenzo di proprietà della famiglia Becagli. I ragazzi e le ragazze, circa 15 in totale che parteciperanno a piccoli gruppi, saranno un supporto indispensabile sia in Fattoria San Lorenzo, dove aiuteranno durante le colazioni, la sistemazione delle camere e degli spazi verdi comuni, che a Spirulina Becagli, dove potranno scoprire i segreti della coltivazione della spirulina biologica italiana. Un modo per i ragazzi e le ragazze di Fondazione il Sole per integrarsi sempre di più nella quotidianità della vita sociale, lavorativa e turistica della Maremma.

Il Sole in Fattoria, inoltre, sarà il protagonista di un cortometraggio realizzato all'interno del
progetto Laboratorio Cinematografico professionale con il regista Sebastiano Rizzo, ideato e a cura della giornalista e redattrice Moira Armini. In corso a Grosseto oramai da diversi mesi, il laboratorio, con alto valore sociale, coinvolge 18 giovani ragazzi e ragazze del territorio, la professionalità del regista e attore Sebastiano Rizzo, candidato al David di Donatello come miglior regia nel 2017 con Gramigna, regalerà al progetto un ulteriore visibilità a livello non solo territoriale.

"Sono onorato di presenziare a questo progetto e ringrazio Fondazione il Sole per averci appoggiato in questa iniziativa importante per noi - dice Tommaso Becagli, Ceo Spirulina Becagli e Fattoria San Lorenzo -. Da sempre io e mia mamma siamo vicini alla comunità e
vogliamo implementare e accrescere la collaborazione con organizzazioni come Fondazione il Sole che danno una marcia in più alla comunità grossetana e sostengono il territorio in maniera concreta. Non vediamo l'ora di ospitare e dare un aiuto concreto ai ragazzi della Fondazione. Inoltre, ci tengo a ringraziare Moira Armini per il progetto che ha portato alla nostra attenzione e che abbiamo sostenuto con forza e dedizione, con il suo laboratorio cinematografico sta trasmettendo un nuovo modo di vedere la città e la sua comunità".

Come Fondazione il Sole, e a nome del presidente Marco Scandroglio, siamo onorati di avere Spirulina Becagli come azienda alla luce del Sole per il terzo anno consecutivo - aggiunge Tiziana Tenuzzo, responsabile fundraising di Fondazione il Sole -. Il nostro lavoro è possibile solo grazie al sostegno di aziende come quelle della famiglia Becagli. Dopo l'esperienza del cioccolato in co branding, quest'anno abbiamo pensato un nuovo progetto di collaborazione che vale il triplo: l'inserimento lavorativo è importantissimo per il nostro lavoro e permette di far sentire utili i ragazzi durante le loro giornate. Da venerdì prossimo inizieranno delle attività lavorative all'interno di Fattoria San Lorenzo e in Spirulina Becagli. Ringraziamo enormemente per il sostegno e la vicinanza alla nostra causa. Sarà molto bello anche unirsi anche al progetto del laboratorio cinematografico perché i nostri ragazzi saranno doppiamente protagonisti di un progetto unico nel suo genere che unisce socialità, imprenditoria e territorio".

"Noi cerchiamo da sempre realtà che fanno vivere spaccati di vita vera, quotidiana, ai nostri ragazzi - dice Roberto Marcucci, direttore della Fondazione il Sole -. Tendiamo sempre a fare laboratori al chiuso, che sono molto importanti per i nostri ospiti diurni, ma poter fare inserimento lavorativi in strutture aperte al pubblico permette ai ragazzi di avere esperienze di vita vera. La realizzazione di un cortometraggio con un regista come Sebastiano Rizzo, sarà la ciliegina sulla torta anche per il futuro, per ricordare ai ragazzi quello che sono stati in grado di fare".

"Ho voluto fortemente che questo progetto cinematografico rivolto ai giovani, li educasse anche al valore umano e sociale, questo è stato il punto d'intesa con Tommaso Becagli, già fortemente impegnato sul territorio in questo ambito - spiega Moira Armini, giornalista e ideatrice del Laboratorio cinematografico -. Il sostegno imprescindibile di Spirulina Becagli fin dall'inizio, ci ha permesso di essere qui e andare oltre: avere gli ospiti della Fondazione il Sole all'interno di uno dei cortometraggi renderà tutti migliori'. La Fondazione il Sole e' una realtà che non si spiega a parole. Il cinema ci permette di raccontare il sorriso nel cuore dei suoi ospiti e nutrire la nostra anima di rispetto. Per questo, il mio grazie personale a Tommaso Becagli per aver condiviso i valori del progetto, aver creduto nelle potenzialità dei giovani e nel nostro territorio".

"Ho riscontrato un territorio, quello di Grosseto, pieno di bellissime promesse artistiche. Un gruppo di ragazzi con una forza, una passione per l'arte, che necessita solo di opportunità e forti stimoli continui - conclude Sebastiano Rizzo, regista e coordinatore del Laboratorio cinematografico -. Il mio compito è stato semplicemente quello di dare loro consapevolezza dei loro mezzi, della loro forza interiore e di saper regalare emozioni .. l'amore verso un'arte sacra nasce principalmente da questo. Dopo 10 mesi di incontri, devo ammettere che tutto il gruppo ha dimostrato fin dall'inizio passione per il cinema, è pronto a regalare fortissime emozioni e proseguire una strada artistica da protagonisti. Un ringraziamento speciale va fatto a Moira Armini la quale ha voluto fortemente aprire questo percorso professionale artistico sul territorio di Grosseto ed è la prima che crede in un'evoluzione importante dei ragazzi ed una vittoria del territorio. Noi siamo pronti...ciak si gira".