Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, Chiara e Alessio hanno creato la Fattoria dei Piccoli. Uno spazio a misura di bambino

La Fattoria dei Piccoli La Fattoria dei Piccoli

In un mondo sempre più frenetico e distratto, Chiara Gentili e il marito Alessio Ricciotti, sono riusciti a creare qualcosa di unico nel suo genere. Alla Fattoria dei Piccoli, progetto educativo nato a settembre del 2019 all'Agriturismo Il Lillastro in Località Vallerotana (Roselle), le parole principali all'ordine del giorno sono natura, educazione e tradizioni.
La Fattoria dei Piccoli è frequentata da 17 bambini dai 3 ai 6 anni: loro sono i fortunati fruitori di questo progetto che grazie a Chiara e Alessio, ma anche a Stefania Villani, educatori socio pedagogici, apprendono ogni giorno tante cose nuove vivendo a stretto contatto con la natura, piuttosto che in una classica classe scolastica: "Il progetto è nato prendendo spunto dagli "Asili nel bosco" tipici del nord Europa, - spiega Chiara - quindi abbiamo provato a creare un programma di educazione in natura che unisse le noste più grandi passioni, ovvero l'infanzia e la natura stessa. Oltre ad essere educatori socio pedagogici, siamo infatti anche educatori scout, quindi questo ci ha permesso di comprendere ancora meglio quanto la natura possa essere importante in qualsiasi fase e periodo di crescita".
Tutto è iniziato con la ricerca del luogo perfetto in cui dar vita a questo sogno: "L'agriturismo Il Lillastro ? prosegue Chiara - si è rivelata la scelta vincente. Cercavamo uno spazio che fosse diverso da un giardino o una parte di bosco. Il Lillastro è anche un'azienda agricola e un centro ippico oltre che fattoria didattica, quindi questo ci permette di vivere non la vita costruita degli animali ma quella rurale vera e propria".
L'offerta formativa che viene proposta alla Fattoria dei Piccoli si discosta di gran lunga da quella "classica" della scuola che tutti conosciamo: "Il nostro intento ? aggiunge Alessio - è quello di unire la parte educativa con la vita stessa, per offrire ai bambini la possibilità di provare cose semplici, dal sapore antico che ad oggi abbiamo perso. Qui possiamo vedere i processi vitali legati agli animali, il lavoro nell'orto e le tantissime specie vegetative che ci circondano. Tutto ciò rappresenta la ricchezza principale da cui partiamo per educare".