Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Castiglione della Pescaia, le comunità marine del G20Spiagge si riuniscono a Caorle per Maris futuri

caorle summit g20s Il Destination Summit a Caorle

Le comunità marine italiane del G20s, tra cui Castiglione della Pescaia, si riuniscono per una strategia comune. Sarà un evento importante il VII Destination Summit che il G20Spiagge, network dei 20 maggiori comuni balneari italiani, terrà a Caorle dal 17 al 19 aprile. Il titolo, impegnativo, esprime la necessità di arrivare ad una nuova vision per il turismo costiero italiano che viene descritta in una sintesi chiara, rivelatrice di contenuti ed esperienze condivisi, nelle tesi che saranno la base del confronto. Con i 20 sindaci, esperti italiani e stranieri utilizzeranno l'appuntamento per costruire le nuove strategie delle Comunità Marine, prime responsabili di un turismo balneare che è e rimane il maggior comparto turistico italiano, fondamentale per l'economia del Paese. Equilibrio tra la qualità della vita dei residenti e l'offerta turistica agli ospiti, la protezione delle spiagge a salvaguardia del nostro sistema costiero, l'attenzione al cambiamento climatico, i sistemi di mobilità e le infrastrutture efficienti e sostenibili sono alcune delle tematiche su cui verranno prodotte soluzioni. "È un confronto vero, uno scambio aperto senza nessuna chiusura data dalla concorrenza tra destinazioni diverse - afferma Roberta Nesto, Sindaco di Cavallino Treporti e coordinatrice nazionale del G20Spiagge ? I sindaci hanno ampiamente compreso che le loro località saranno più competitive sul mercato globale perché una offerta turistica condivisa è vincente e all'altezza della tradizione e dello stile italiani".


"Caorle non a caso ha scelto di ospitare questa edizione del Summit ? spiega il sindaco di Caorle, Marco Sarto ? Siamo una località in crescita dal punto di vista delle presenze turistiche, che però ambisce a garantire una adeguata tutela alle esigenze di vita dei residenti ed alla preservazione del nostro territorio e del nostro delicato contesto ambientale, reso prezioso dalla presenza della Laguna di Caorle e dell'oasi naturalistica di Vallevecchia. Già ora Caorle è una vera Comunità Marina, con una popolazione residente viva e vivace tutto l'anno: manca solamente il riconoscimento legislativo che garantirebbe l'opportunità di assicurare i servizi necessari a tutti, cittadini e vacanzieri. Siamo convinti che il lavoro che svolgeremo durante il Summit di Caorle sarà fondamentale per il futuro delle località balneari di vacanza".

"Oggi più che mai ? afferma il sindaco di Castiglione della Pescaia Elena Nappi ? progettare è una sfida per tutte le amministrazioni comunali. Progettare una complessità come quella delle città che compongono il G20spiagge è ancora più stimolante, soprattutto quando si va a confronto con realtà che soffrono delle sue stesse problematiche, che le conoscono e le subiscono, e per questo cercano tutte insieme di reagire, individuando soluzioni mirate ai problemi che si presentano. "Maris Futuris", l'argomento trattato nel summit di Caorle, è una sfida quest'anno che porta gli amministratori a dover continuamente riuscire ad essere al passo con i tempi, all'avanguardia, rispondere immediatamente alle esigenze del territorio progettando però una complessità così importante come quella che la sfida del turismo porta avanti. Progettare significa avere bene in mente il volto che vogliamo dare al nostro territorio a breve e lungo termine, quello che stiamo facendo a Castiglione della Pescaia con tutti gli strumenti urbanistici, dal Piano Operativo al Piano della Costa, al Piano del Porto, al Piano Strutturale. Progettare la complessità di un territorio come il nostro è una sfida ancora più grande, ma più performante alla quale come amministratori siamo chiamati a rispondere".

"Maris Futuri", "Del mare del futuro", impresso sui manifesti del VII Destination Summit sintetizza con un ricorso ad una lingua antica, condivisa in tutto il mondo allora conosciuto, la visione delle città balneari, le Comunità Marine italiane, che affrontano insieme le sfide del turismo per l'oggi e per il domani. Con responsabilità e concretezza, com'è nello stile e nell'esperienza quotidiana dei sindaci, di tutti i sindaci italiani.