Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, Misericordia: individuata una nuova e rara mutazione genetica del cancro alla tiroide

Rossi Capezzone Maja Rossi e Marco Capezzone

A Grosseto la ricerca ha portato ad un risultato scientifico di rilevanza internazionale. Maggiore certezza nella diagnosi del cancro alla tiroide grazie a un'importante scoperta all'ospedale Misericordia.

Una nuova e rara mutazione genetica della patologia é stata individuata grazie a uno studio condotto dalla Uosd Endocrinologia, diretta dal dottor Marco Capezzone e dalla Uos di Patologia Clinica Molecolare, diretta dalla dottoressa Maja Rossi.

La tecnica molecolare con cui è stata rilevata la mutazione permette di effettuare uno screening approfondito sulla natura dei noduli tiroidei, patologia estremamente diffusa nel territorio.

"La maggioranza dei noduli tiroidei sono benigni - spiega Capezzone - La possibilità di utilizzare mezzi diagnostici d'avanguardia, come la strumentazione Next Generation Sequencing (NGS), consente analisi di estrema precisione di quella quota minoritaria di noduli tiroidei maligni o potenzialmente suscettibili di trasformazione. La profilazione molecolare delle neoplasie è inoltre attualmente necessaria per l'attuazione di una medicina di precisione. Lo studio ha visto la collaborazione del direttore dipartimento Medicina interna e specialistiche, Massimo Alessandri, delle dottoresse Eugenia Morabito e Gilda Dalmazio di Endocrinologia, del direttore del dipartimento della Medicina di Laboratorio, Agostino Ognibene, dei dottori Sara Bardi e Michele Cirianni della Patologia Clinica Molecolare e di professionisti dell'Università di Pisa, di Siena e di Napoli ed é stato pubblicato su una rivista scientifica internazionale".