Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, 20 frantoi maremmani partecipano al bando per la Regione: in ballo oltre 8 milioni di euro

Stefania Saccardi Stefania Saccardi

In ballo ci sono oltre 8 milioni di euro. Sono stati 98, di cui 20 grossetani, i frantoi toscani che hanno presentato progetti sul bando Pnrr emanato dalla Regione Toscana per la concessione di contributi che permettono la sostituzione e l'ammodernamento dei frantoi oleari.
"Il bando, che ha un budget di 8 milioni 334mila euro, consentirà ai progetti collocati utilmente in graduatoria e approvati dalla Regione di godere del finanziamento a fondo perduto - dicono dalla Regione Toscana -. L'intensità del sostegno è pari al 65% e pari all'80% per gli investimenti realizzati da parte dei giovani agricoltori. L'importo massimo del contributo va da un minimo di 30.000 euro a un massimo di 600.000 euro. Sarà possibile l'erogazione di un anticipo pari al 30% della spesa ammissibile, sulla base di apposita richiesta del beneficiario. La progettualità dei 98 frantoi che hanno partecipato al bando, che complessivamente ammonta a oltre 20 milioni di contributo richiesto, consiste nel rinnovo degli impianti per favorire la sostituzione o l'ammodernamento dei frantoi esistenti anche attraverso l'introduzione di macchinari e tecnologie che migliorino le performance ambientali dell'attività di estrazione dell'olio extravergine di oliva. Il rinnovo degli impianti tecnologici è finalizzato anche al miglioramento della qualità degli olii e a un generale incremento della sostenibilità della filiera olivicolo-olearia".
"Siamo soddisfatti della risposta che le nostre aziende hanno manifestato nei confronti di questo bando ? ha detto la vicepresidente e assessora all'agroalimentare Stefania Saccardi ? perché hanno colto l'importanza di questo che rappresenta uno degli interventi più rilevanti degli ultimi venti anni a favore di una delle filiere simbolo della Toscana. Grazie a questi interventi le aziende che saranno finanziabili potranno aumentare la competitività e al contempo a migliorare l'impatto ambientale che produce questa attività, tenendo sempre elevata, e anzi migliorando, la qualità stessa del nostro olio extravergine". La Toscana è la quarta regione di Italia per contributo totale richiesto.
La ripartizione territoriale per provincia delle aziende che hanno richiesto il contributo è questa: 14 ad Arezzo, 20 a Grosseto, 12 a Siena, 7 a Pisa, 26 a Firenze, 5 a Prato, 5 a Lucca, 4 a Pistoia, 3 a Livorno, 2 a Massa-Carrara.