Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, dati sulle assunzioni: le opportunità di lavoro calano. Le aziende non trovano personale

Il settore della ristorazione Il settore della ristorazione cerca personale

L'occupazione in numeri. Sono quasi 3mila le entrate programmate dalle imprese grossetane ad aprile e più di 9mila per il trimestre aprile-giugno. Le opportunità di lavoro risultano tuttavia in calo rispetto agli stessi periodi 2023.

Queste alcune delle tendenze che emergono dall'indagine Excelsior relativa ai fabbisogni occupazionali previsti delle imprese dell'industria e dei servizi con sede in provincia di Grosseto con riferimento al trimestre aprile-giugno 2024.

Nel dettaglio. "Proseguendo nell'analisi, con l'approssimarsi della stagione balneare/turistica, solo nel 12% dei casi le entrate saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre per l'88% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita). Le opportunità di lavoro si concentreranno per il 91% nel settore dei servizi e per l'81% nelle imprese con meno di 50 dipendenti; interesseranno inoltre giovani con meno di 30 anni per una quota pari al 27%. Nel 57% dei casi sarà richiesta dalle imprese esperienza professionale specifica o almeno nello stesso settore di attività. Continua ad essere elevata la richiesta di personale senza un titolo di studio specifico (30% del totale entrate previste) ovvero avente semplicemente esaurito l'obbligo scolastico. Ammontano al 3% del totale le entrate previste di laureati, mentre il titolo di studio più richiesto è la qualifica/diploma professionale (40% delle entrate previste), segue il diploma (26%). Nel periodo gennaio-aprile 2024 la quota di entrate inerenti laureati e diplomati si sono ridotte a favore di qualifiche/diplomi professionali ed entrate di personale senza titolo specifico", fanno sapere dalla Camera di Commercio.

Ecco quali sono gli indirizzi di studio più richiesti: per la laurea indirizzo economico; per il diploma turismo-enogastronomia-ospitalità e amministrazione-finanza-marketing; per qualifiche e diplomi professionali ristorazione, servizi di promozione e accoglienza e trasformazione agroalimentare.
Le figure più richieste sono addetti nelle attività di ristorazione, personale non qualificato nei servizi di pulizia; addetti alle vendite, addetti all'accoglienza e all'informazione della clientela, conduttori di veicoli a motore.
In 37 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.

I titoli più difficili da reperire: lauree ad indirizzo economico; diploma ad indirizzo costruzioni, ambiente e territorio; qualifica/diploma professionale indirizzo riparazione dei veicoli a motore.

Tra le figure di più difficile reperimento: meccanici artigianali, montatori, riparatori, manutentori macchine fisse/mobili; personale non qualificato nell'agricoltura e nella manutenzione del verde; operai specializzati addetti alle costruzioni e mantenimento di strutture edili; tecnici dei rapporti con i mercati.

Il Progetto Excelsior è realizzato da Unioncamere, in accordo con l'Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL) insieme alle Camere di Commercio dei territori, con l'obiettivo di monitorare le previsioni di assunzione delle imprese e rilevare le caratteristiche dei profili professionali richiesti.

Tutti i Bollettini provinciali, contenenti le infografiche di sintesi dei principali risultati delle indagini, e le informazioni sulle stesse, sono consultabili sul sito camerale nella sezione appositamente dedicata ad Excelsior.

https://www.lg.camcom.it/servizi/informazione-economica-prezzi/studi-ricerche/progetto-excelsior/excelsior-programmi-occupazionali-livorno-grosseto