Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, inclusione: al Misericordia il corso di formazione per il top management dell'azienda

doretti d'urso il direttore generale Antonio D'Urso e la dottoressa Vittoria Doretti

Asl Toscana sud est in prima linea per l'inclusività e l'uguaglianza. DE&I - Diversity Equity & Inclusion, Think Tank, GEP - Gender Equality Plan e CUG - Comitato Unico di Garanzia nella Azienda Usl Toscana sud est: in viaggio verso lo stesso orizzonte. Si racchiude in queste due righe il significato del corso di formazione organizzato dalla Asl Toscana sud est, il 19 e 20 febbraio, all'auditorium dell'ospedale Misericordia di Grosseto. L'evento è fortemente voluto dalla direzione aziendale e rivolto al top management dell'Azienda per far conoscere e diffondere i percorsi di rispetto, inclusione e valorizzazione delle diversità all'interno della comunità professionale.

La Sud est è la prima Azienda sanitaria pubblica ad aver adottato la DE&I strategy, una visione innovativa basata sull'equità che promuove e massimizza il potenziale di ogni persona che opera in azienda in un orizzonte valoriale condiviso. Responsabile scientifico dell'evento è la dottoressa Vittoria Doretti, nominata di recente DE&I manager e presidente del CUG aziendale. Numerose le tematiche che saranno trattate dai tanti esperti provenienti da tutta Italia, sempre legate al concetto di tutela e armonizzazione delle differenze: dal ruolo del Cug, alle linee guida per il linguaggio di genere, dal ruolo della comunicazione alla certificazione di genere.

Il pensiero del direttore generale, Antonio D'Urso: "Il nostro obiettivo è il massimo impegno affinché l'Azienda sia il più possibile aperta al cambiamento e culturalmente inclusiva, eliminando progressivamente e definitivamente qualsiasi discriminazione basata su genere, caratteristiche o abilità fisiche, etnia di appartenenza, età o generazione, orientamento sessuale e orientamento religioso, e tutte le caratteristiche personali che possono generare pregiudizi o discriminazioni, come il percorso di studi, l'esperienza lavorativa, il ruolo professionale, il reddito e l'origine geografica. Per questo abbiamo istituito la DE&I manager, nella persona della dottoressa Doretti, un'innovazione culturale determinante che la nostra Asl attiva per prima in Italia nell'ambito delle aziende sanitarie. Questa figura professionale ha il compito di individuare, promuovere attivamente e far applicare politiche e pratiche di inclusione all'interno dell'azienda, per valorizzare ogni diversità e garantire la convivenza armonica di tutte le persone che compongono la forza lavoro aziendale".

"Il mio primo ringraziamento va alla squadra di collaboratori e collaboratrici che insieme a me hanno messo competenza e cuore in questo che non è solo un progetto, ma una vera e propria mission aziendale ? dichiara la dottoressa Doretti - Grazie alla Direzione per questa straordinaria opportunità di crescita, per la nomina di DE&I manager di cui sento tutta la responsabilità, e per aver abbracciato una visione così coraggiosa del lavoro e del nostro futuro".

Tra gli ospiti illustri, interverranno il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani e l'assessore regionale al Diritto alla salute e sanità, Simone Bezzini.