Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, alla sala Pegaso di Palazzo Aldobrandeschi l'appuntamento con il seminario pubblico Anpi

la locandina del seminario la locandina del seminario

Venerdì 17 maggio il Comitato Provinciale Norma Parenti dell'ANPI di Grosseto promuove l'iniziativa seminariale, di carattere provinciale, all'interno dell'ampia cornice di azioni sollecitate dall'ANPI Nazionale con l'invito a promuovere eventi formativi sul tema dell'autonomia differenziata e del premierato attualmente in discussione in Parlamento. In programma a partire dalle ore 16:30 presso la Sala Pegaso di Palazzo Aldobrandeschi, con il patrocinio della Provincia di Grosseto, l'evento, coordinato dal presidente provinciale Luciano G. Calì che si avvarrà dei preziosi contributi di Anna Falcone, nota costituzionalista e attivista, di Pietro Adami, giurista e componente dell'esecutivo nazionale del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale e di Domenico Gallo, presidente di Sezione emerito della Corte di Cassazione.
"In continuità con le proposte divulgative organizzate in tutto il Paese dall'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia - spiega Luciano G. Calì, Presidente del Comitato Provinciale dell'ANPI di Grosseto - abbiamo promosso il seminario pubblico sul tema delle modifiche istituzionali e costituzionali avendo in mente le chiare parole di Liliana Segre che proprio in questi giorni ammonisce la maggioranza al governo riguardo la rincorsa ai facili slogan. La senatrice a vita, testimone diretta delle tragedie umane causate dalle dittature, ha infatti voluto ricordare che le democrazie costituzionali hanno una separazione dei poteri, con controlli e bilanciamenti, ovvero degli argini per evitare di ricadere in quelle autocrazie contro le quali tutte le Costituzioni sono nate. Il partito o la coalizione che vince le elezioni politiche - prosegue il Presidente del Comitato Provinciale dell'ANPI - con le modifiche costituzionali otterrebbe in un sol colpo, grazie al premio di maggioranza, il Presidente del Consiglio ed il governo, la maggioranza assoluta dei senatori e dei deputati, la possibilità di nominare il Presidente della Repubblica e, di conseguenza, anche il controllo della Corte Costituzionale e degli altri organismi di garanzia. Una condizione unica tra le democrazie occidentali dato che nessun sistema presidenziale o semi-presidenziale consente una tale concentrazione del potere".
Il nuovo appuntamento pubblico organizzato in Sala Pegaso nel pomeriggio di venerdì 17 maggio, rappresenta inoltre per l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia un altro momento fondamentale della doverosa auto-formazione interna degli iscritti e dei gruppi dirigenti dopo quello organizzato lo scorso 11 maggio presso l'aula magna della Fondazione Polo Universitario insieme altri prestigiosi partner e relatori.