Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, due momenti di confronto per parlare di affidamento familiare

La panchina dell'affidamento La panchina dell'affidamento

Due momenti di incontro e confronto per parlare dell'affidamento familiare: mercoledì 8 maggio 2024 il Centro affidi di Coeso Società della Salute ha organizzato due appuntamenti, aperti alla cittadinanza, per parlare di questo importante istituto giuridico che prevede la possibilità di ospitare, nella propria famiglia e per un periodo di tempo limitato, un bambino o un ragazzo.
Il 4 maggio, infatti, si è celebrata la giornata dell'affidamento familiare, ricorrenza che richiama la legge 184 del 1983 istitutiva dell'affido familiare promulgata proprio in quella data. Mercoledì 8 maggio 2024 quindi, alle ore 9.30 e fino alle 10.30 l'équipe del Centro affidi sarà alla panchina dell'affido, posta lo scorso anno in via Brigate Partigiane e, a seguire e fino alle 12, al parco di via Giotto, all'albero dell'affido per incontrare tutti coloro che vorranno ricevere informazioni e materiali.
"Al momento, nella zona socio sanitaria Amiata Grossetana, Colline Metallifere e Grossetana - dicono dal Centro affidi - sono 27 gli affidamenti etero-familiari in corso, di cui 4 attivati nell'ultimo anno. Inoltre sono 16 le famiglie presenti nella banca dati, ovvero quelle che hanno dato disponibilità ad accogliere. Quando si verifica la necessità di affidare un minore a un nucleo familiare diverso da quello di origine, infatti, l'équipe del Centro affidi che è composta da assistenti sociali, educatori, psicologi e consulenti familiari individua la situazione più congeniale e affine nell'interesse del minore. Garantisce poi supporto, attraverso colloqui individuali e attività di gruppo, sia alle famiglie affidatarie che ai minori affidati, sostenendoli nel percorso".
Dei 27 affidamenti familiari, 26 sono a tempo pieno e uno a tempo parziale. L'affidamento familiare, infatti, prevede la possibilità di ospitare per alcune ore al giorno o per alcuni giorni della settimana un minore, senza il trasferimento dalla famiglia di origine. Inoltre, con l'affidamento si mantiene sempre il contatto e il legame con il nucleo familiare del bambino.
Le persone, famiglie o single, interessate ad avere informazioni e a rendersi disponibili per accogliere, quindi, possono prendere contatto con il Centro affidi, partecipando alle iniziative in programma per mercoledì 8 maggio, oppure chiamando il numero 0564 439276 o scrivendo a centroaffidi@coesoareagr.it.