Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Follonica, Fdi sulla situazione della pineta che costeggia la spiaggia di Levante: "Tanta incuria"

L'erba alta L'erba alta

A fare da padroni sarebbero degrado e incuria. "Il Golfo di Follonica ha un polmone verde che tanti ci invidiano, ma come tutte le cose belle ha bisogno di cura per resistere alle avversità del tempo che passa". A parlare è il consigliere provinciale di Fratelli d'Italia Danilo Baietti, riflettendo sullo stato di abbandono e degrado presente in particolare in una parte della città.
"Come consigliere provinciale ? prosegue - resto colpito negativamente sulla mala gestione della pineta che unisce il comune di Follonica a quello di Scarlino. Infatti, da via Spiaggia di Levante fino al canale Solmine molti sono i segni di degrado ed incuria che certamente non possono essere annoverati tra gli accorgimenti positivi che andrebbero messi in campo per garantire, sia alla cittadinanza che ai tanti turisti che invadono questa zona, una pineta sana, sicura e soprattutto pulita".
"Erba mai tagliata, piante mai potate con rami ormai secchi che minacciano l'incolumità di qualsiasi cittadino che si trovi a inoltrarsi all'interno della pineta per andare sulla spiaggia. ? commenta Baietti - Per non parlare del lato strada, dove gli automobilisti del comprensorio si trovano spesso davanti a rami di pino pericolanti, pronti a cadere da un momento all'altro, con seria minaccia per chi vi si trova a passare accanto".
"Inoltre, all'interno della pineta durante la stagione estiva, sono molte sono le famiglie che transitano per andare al mare alle quali dobbiamo garantire un luogo sicuro di passaggio e sosta, o preferiamo aspettare inermi e fatalisti la prima tragedia? Credo che la nostra zona abbia bisogno di molte migliorie, alcune saranno sicuramente non di facile realizzazione ma almeno le cose semplici, come quella di mantenere una pineta sana e a misura di bambino, hanno necessità di essere fatte subito e garantite nel tempo", conclude Danilo Baietti.