Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Massa Marittima, il questore Antonio Mannoni dona l'olio di Capaci al vescovo Carlo Ciattini

olio capaci dono La donazione dell'ampolla di olio proveniente da Capaci

L'olio sarà benedetto alla Messa crismale a Massa Marittima. Si è rinnovata la tradizione della consegna da parte del questore di Grosseto, Antonio Mannoni, al vescovo di Massa Marittima-Piombino, monsignor Carlo Ciattini, di un'ampolla di olio ricavato dai frutti degli ulivi che crescono nel luogo dove trentadue anni fa, il 23 maggio 1992, avvenne la tremenda strage mafiosa di Capaci (PA), in cui perse la vita il giudice Giovanni Falcone insieme alla moglie Francesca Morvillo ed ai tre agenti della scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo.

Là oggi sorge un uliveto curato dall'Associazione Quarto Savona 15 (sigla radio dell'auto di scorta), animata da Tina Montinaro, vedova del capo scorta, che in questi giorni sta portando la teca contenente i resti dell'auto della scorta in giro per tutta l'Italia, (a Grosseto il 19 marzo) al fine di diffondere fra i giovani la cultura antimafia ed incoraggiarli a seguire il valore della legalità e del senso del dovere che animavano i poliziotti uccisi dalla mafia mentre scortavano il Giudice Falcone.

L'olio di Capaci sarà aggiunto all'olio delle nostre terre, benedetto e consacrato in occasione della Celebrazione della Messa crismale che si terrà giovedì 28 marzo, nella Cattedrale di San Cerbone, presieduta dal Vescovo Carlo e dai sacerdoti della nostra Diocesi cui seguirà appunto la distribuzione dell'olio santo che potrà essere usato durante l'anno per l'unzione nei battesimi, nelle cresime, per gli infermi e per l'ordine sacro.

Il dono del frutto di quelle piante di ulivo, nato dalla terra bagnata dal sangue delle vittime di mafia, vuole essere, proprio durante questa Settimana Santa, un segno forte, simbolo di redenzione e di profondità del sentimento religioso, che mai deve perdere di vista la radicalità e l'autenticità del messaggio evangelico.