Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Massa Marittima, si celebrano i 10 anni dall'inaugurazione della nuova sala lettura della biblioteca

biblioteca badii La sala lettura della biblioteca comunale

Si festeggia una ricorrenza importante per il territorio. Venerdì 17 maggio, alle ore 17, alla biblioteca comunale Gaetano Badii di Massa Marittima si terrà un evento pubblico per celebrare i 10 anni dall'inaugurazione della nuova sala lettura. Sarà l'occasione per approfondire la conoscenza di Gaetano Badii, storico e bibliotecario a cui è intitolata la biblioteca di Massa Marittima.

Interverranno Giampiero Caglianone, del Centro Studi Storici Agapito Gabrielli che parlerà delle Memorie di un bibliotecario soffermandosi sulla figura di Badii; mentre Simonetta Soldatini, archivista e ricercatrice, spiegherà il valore dell'archivio documentario di Gaetano Badii. Infine, Roberta Pieraccioli, direttrice della biblioteca comunale, terrà l'intervento dal titolo La Biblioteca oggi tra tradizione e innovazione sull'evoluzione di questa istituzione cittadina negli anni. Al termine dell'incontro verrà offerto un aperitivo ai partecipanti.

Quella della biblioteca comunale di Massa Marittima è una storia lunga e articolata: nacque nel 1867 su iniziativa di un gruppo di insegnanti delle scuole comunali, come Biblioteca Magistrale. Dopo pochissimi mesi, fu presa in carico dal Comune e divenne Biblioteca Comunale con annesso il Museo Civico; il primo direttore fu Stefano Galli da Modigliana, insegnante e studioso di storia locale, e la sua prima sede il Convento delle Clarisse, dove è stata di nuovo trasferita il 4 ottobre 2008. Negli ultimi decenni del XIX secolo la Biblioteca ha arricchito notevolmente il suo patrimonio grazie ad importanti donazioni e lasciti di soggetti pubblici e privati: tra i più importanti, quelli di Giovanni Falusi, sindaco della città al momento della fondazione della Biblioteca, di Angiolo Caterini (circa 500 opere di letteratura dei sec. XVIII-XIX) e di Teodoro Haupt (oltre 300 opere di argomento mineralogico e geologico). Oltre a ciò, la Biblioteca ha acquisito il materiale librario proveniente da alcuni conventi soppressi. Nel 1958 la Biblioteca si trasferì nelle stanze di Piazza Cavour, per poi tornare nella sua sede originaria presso il Convento delle Clarisse, in piazza XXIV Maggio, dove nel 2014 fu inaugurata la bellissima nuova sala lettura.

Le novità degli ultimi 30 anni sono state moltissime nel mondo delle biblioteche, e la Biblioteca di Massa Marittima non è rimasta fuori dal processo evolutivo che ha portato ad un notevole salto di qualità nei servizi offerti e ad una sempre maggiore centralità dell'utente.