Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Follonica, l'autore Sacha Naspini nel programma Radici nel Futuro della Frankfurter Buchmesse 2024

Sacha Naspini Sacha Naspini

Un maremmano alla Buchmesse 2024: Mauro Mazza, commissario straordinario per la Buchmesse, ha reso noti i nomi degli autori italiani che parteciperanno alla Fiera del Libro di Francoforte 2024, che si terrà a ottobre. Tra questi, il follonichese Sacha Naspini.

Il programma dell'Italia ha come titolo Radici nel futuro, ed è stato presentato oggi alla Literaturhaus Frankfurt alla presenza di Juergen Boos, direttore della Frankfurter Buchmesse, Armando Varricchio, ambasciatore d'Italia in Germania, Innocenzo Cipolletta, presidente dell'Associazione Italiana Editori (Aie) e Stefano Boeri, architetto e autore del Padiglione Italia.
"Noi pensiamo a una cultura che unisce, e oggi ce n'è davvero bisogno", ha spiegato il commissario straordinario del governo, "una cultura che deve unire il nostro Paese e anche l'Europa. Puntiamo a una vera squadra che aspira a vincere".

Nei giorni della Frankfurter Buchmesse verranno indagate una serie di tematiche, a partire dalle parole, gli strumenti che abbiamo affinato per comprendere, interpretare e raccontare il nostro tempo. A Sacha Naspini, il compito di parlare dell'entroterra esplorato.

Sacha Naspini è presente in Svizzera, Austria, e Germania con i romanzi Nives e il più recente Le Case del malcontento, entrambi editi dalla casa editrice Kein & Aber. In Italia, i romanzi di Sacha Naspini sono pubblicati dalle Edizioni E/O.

L'autore
Con tanti romanzi all'attivo (Villa del seminario, Le Case del malcontento, Nives, Ossigeno, Le nostre assenze e altri ancora), Sacha Naspini (Grosseto, 1976) è ormai considerato uno degli autori italiani più originali e più letterariamente dotati della sua generazione. Presente in quasi cinquanta Paesi, vincitore di numerosi premi, Naspini è uno scrittore poliedrico, che eccelle nella creazione di bellissime storie legate al territorio della Maremma così come nell'invenzione di mondi distopici e sorprendenti. Il suo stile di scrittura è unico: immaginifico e preciso al tempo stesso, inventivo, efficace.