Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Follonica, alla Fonderia Leopolda va in scena "Pandora" di Teatro dei Gordi, regia di Riccardo Pippa

pandora messa in scena Foto: Noemi Ardesi

L'evento inizia prima dell'apertura del sipario. Uno spettacolo dove movimenti, gesti, oggetti, vestiti, maschere, musica e poesia si incontrano per produrre immagini ed emozionare lo spettatore. È Pandora di Teatro dei Gordi che arriva sul palco del Teatro Fonderia Leopolda di Follonica giovedì 15 febbraio, alle 21.15.

Una produzione di Teatro Franco Parenti, Teatro Stabile di Torino, Teatro Nazionale, in collaborazione con Teatro dei Gordi, di e con Claudia Caldarano, Cecilia Campani, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Matteo Vitanza. Ideazione e regia di Riccardo Pippa, drammaturgia di Giulia Tollis.

Pandora. Un bagno in fondo a un corridoio o sotto la piazza di una città, di un aeroporto, di un club o di una stazione di servizio attraversato da un'umanità variegata e transitoria. Un luogo di passaggio, d'attesa, di incontro tra sconosciuti, un camerino improvvisato dove fare scongiuri, nascondersi, sfogarsi. È un covo per i demoni, un'anticamera, una soglia prima di un congedo o un battesimo del fuoco. Se fuori ci si deve attenere alle norme sociali, ad una prassi, al gioco, dentro si dismette qualcosa; è uno spazio amorale, di sospensione, anche di grossa violenza e nudità, un luogo comune dell'interiorità dove ampliare lo spettro dell'azione quotidiana oltre i limiti e le censure. Filo conduttore del percorso del Teatro dei Gordi è la ricerca di un linguaggio specificamente teatrale, fatto di movimento, partiture di gesti, oggetti, vestiti, maschere, musica, poesia, presenza e incontro.

Prima dello spettacolo. Come di consueto, alle 18.30, nella sala Eugenio Allegri la compagnia incontra il pubblico per l'appuntamento organizzato dall'associazione Cantiere Cultura di Follonica e condotto da Donatella Mealli e Riccardo Ruschi dell'associazione Amici di Duccio. Alle 19.45 sarà possibile partecipare alla cena in teatro a cura dell'associazione Ristoratori follonichesi. Questa volta sarà lo chef Mirko Martinelli del ristorante Oasi a curare il menu. Per prenotare la cena è necessario chiamare lo Iat di Follonica al numero 0566 52012.

Prossimi appuntamenti. Sabato 3 marzo, per la rassegna "Altri percorsi" è in programma L'uomo calamita di Circo El Grito, mentre venerdì 8 marzo il classico di Ionesco Delirio a due sarà portato in scena da Corrado Nuzzo e Maria Di Biase per la stagione Metamorfosi.

Per acquistare i biglietti è possibile rivolgersi all'ufficio Iat di Follonica, in via Roma 49, aperto dal martedì alla domenica con orario 10-12.30 e 16.30-19, e alla biglietteria del teatro il giorno dello spettacolo o online su www.lepolda.adarte.18tickets.it.