Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Massa Marittima, botteghe artigianali aperte in Toscana: c'è anche la Maremma

Massa Marittima Massa Marittima

Sarà una settimana del tutto particolare. Ecco il motivo. Laboratori pratici, aperture straordinarie, visite in bottega e Dialoghi sull'Artigianato. E' il calendario di iniziative organizzato dal 2 al 7 aprile da Artex in collaborazione con Unicoop Firenze, Comune di Firenze, Officina Creativa by Artex e grazie al supporto del World Crafts Council Europe e del progetto Crafting the Future, co-finanziato dalla Commissione Europea, per le Giornate Europee dei Mestieri d'Arte, la manifestazione organizzata in vari paesi europei per far conoscere alle nuove generazioni e al grande pubblico i segreti dei maestri artigiani. Il tema centrale di questa XVIII edizione è la trasmissione dei saperi da mani esperte alle piccole mani dei futuri artigiani con lo slogan "Di mano in mano".

Il programma per le Gema in Toscana (https://www.artex.firenze.it/gema-giornate-europee-dei-mestieri-darte/) prevede numerosi eventi in presenza, come i laboratori gratuiti che si terranno sabato 6 aprile negli spazi di Officina Creativa by Artex , in via Giano della Bella 20 a Firenze. Sono in programma ben cinque workshop, e i laboratori di scagliola, collage e cartapesta sono già andati sold out. Sono ancora aperte le iscrizioni ai laboratori di decorazione dei cappelli tenuti dalla Maestra Ilaria Innocenti: i partecipanti dovranno portare un loro cappello a cui verrà ridata una nuova vita grazie a decorazioni con fiori, gioielli, conchiglie, fibbie, nastri. Prenotazione obbligatoria entro venerdì 5 aprile inviando una mail ad artex@artex.firenze.it.

I "Dialoghi sull'Artigianato", ideati da Artex nel 2021 allo scopo di diffondere la conoscenza del patrimonio dei mestieri d'arte toscani grazie a incontri tra Maestri Artigiani ed esperti del settore, sono trasmessi gratuitamente in diretta streaming sui canali Facebook e Youtube di Artex. Il tema del 2024, "Trasmissione è(e) innovazione", sarà approfondito grazie ad esperti d'eccezione. Mercoledì 3 aprile alle 17 Simone Calcinai (maestro artigiano dell'azienda Il Bronzetto) e Gabriele Goretti (professore di Design presso l'Università di Pisa) parleranno di alto artigianato come brand di alta qualità per il Made in Italy. Giovedì 4 aprile alle 17 Laura Antonini del Corriere Fiorentino dialogherà con Franca Verteramo, maestra artigiana dell'azienda Intrecci e Ricami, in un incontro intitolato: l'artigianato è di moda?

Nella settimana dal 2 al 7 aprile, in tutto il territorio toscano, i maestri artigiani apriranno le porte delle proprie botteghe e terranno gratuitamente laboratori, organizzeranno eventi e visite nei loro atelier. In Toscana partecipano le botteghe Santi del Sere ad Anghiari, Argentiere Pagliai, Cornici Ragazzini, Franco Ristori, Tommaso De Carlo, Ombretta Maffei, Scarpelli Mosaici e Renato Olivastri a Firenze, Stefano Parrini Cuoio e selleria a Vicchio, Pelletteria Roberta Masetti a Scandicci, Studio Ceramico Giusti a Pelago, LB Creazioni a Massa Marittima, lo studio di scultura Michele Monfroni a Carrara, Pasticceria Cristiani a Livorno, la carrista Marzia Etna a Viareggio, Laura de Cesare a Pisa, Il Carato a Cascina, Andrea Amerighi e Franca Verteramo a Prato, Bottega Biagiotti a Pienza, Arte dei Calzaioli a Colle Val d'Elsa, Ceramica Kamars a Chiusi.

E ancora: il 6 aprile un evento speciale. A Seravezza (Lucca), dalle 16 alle 19, visite guidate al Museo del Lavoro e delle Tradizioni popolari della Versilia storica, con un focus sulla tessitura e un salto nel tempo alla scoperta degli strumenti utilizzati in passato per filare e tessere.

"Queste giornate - commenta Elisa Guidi, coordinatrice di Artex - sono una grande opportunità per fare luce sul mondo dei maestri artigiani, e mostrare a tutti il valore delle arti, dei mestieri e della tradizione. L'artigianato artistico è parte del nostro vissuto, della nostra storia e della nostra quotidianità. Con questa iniziativa vogliamo anche avvicinare i più giovani, contribuendo ad aprire nuove prospettive per un settore che è cuore non solo economico della Toscana".