Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Orbetello, ospedale in difficoltà. Il Comune: "Richiamiamo gli infermieri in pensione"

Il sindaco Casamenti Il sindaco Casamenti

La situazione dell'ospedale preoccupa l'Amministrazione comunale. "Apprendiamo dal personale sanitario l'importante difficoltà nella quale si trova il nostro ospedale a causa della carenza di personale infermieristico" a farlo sapere è l'assessore alla sanità del Comune di Orbetello, Silvia Magi che, in accordo con il sindaco, ha aperto immediatamente un canale con l'azienda sanitaria Asl Sudest per evitare che la mancanza di personale si traduca in un taglio dei posti letto al San Giovanni di Dio, il nosocomio lagunare.

"La cosa, nota da tempo, sembra aver raggiunto livelli insostenibili negli ultimi mesi - spiegano Magi e il primo cittadino, Andrea Casamenti - e la nostra preoccupazione e' altissima. Chiediamo con forza alla direzione sanitaria di evitare tagli ai reparti, permettendoci di fornire spunti utili alla risoluzione del problema, quali, per esempio, l'impiego di personale infermieristico in pensione che possa accettare di lavorare a partita iva, una pratica già in atto in altre realtà non lontane da noi".

"L'attenzione è alta - sottolinea l'assessore - già ieri abbiamo avuto un colloquio telefonico urgente con il direttore del presidio ospedaliero, il dottor Forti, al quale abbiamo chiesto conferma delle notizie che ci sono arrivate, chiedendo anche di essere preventivamente informati, in qualità di amministratori pubblici che hanno il compito di tutelare la salute dei cittadini, di qualsiasi intervento l'azienda sanitaria intenda mettere in campo, prima che lo stesso diventi operativo".

"Il nostro obiettivo primario - conclude Magi - è quello di tutelare il diritto alla salute dei nostri cittadini, senza arrivare a dover subire altri tagli ai servizi sul territorio e senza mettere ulteriormente in difficoltà il personale attraverso turni massacranti e difficili da sostenere".