Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Orbetello, le iniziative di Fibromialgia, noi come tutti per sensibilizzare sulla patologia

la città illuminata di viola la città illuminata di viola

In occasione della giornata mondiale dedicata alla fibromalgia Orbetello si veste di viola. Tutto il territorio lagunare si veste di viola per un intero fine settimana dedicato alla sensibilizzazione sulla fibromialgia con il supporto dell'amministrazione comunale di Orbetello che ha offerto la propria collaborazione alle iniziative portate avanti dall'associazione fibromialgia, noi come tutti, guidata dalla presidente Vincenza Direnzo. L'amministrazione comunale ha collaborato fattivamente attraverso il cantiere comunale, i cui operai si sono impegnati a dipingere la panchina viola che sarà inaugurata domenica nell'area skate di Neghelli. Anche i monumenti del territorio sono stati illuminati di viola su iniziativa dell'amministrazione, con la collaborazione dello staff di EdisonNext. L'amministrazione ringrazia gli operai del cantiere, lo staff di EdisonNext e un particolare ringraziamento va alla curia vescovile che ha acconsentito all'illuminazione del Duomo, abbracciando il senso di questa particolare iniziativa. Un'operazione estesa e di forte carattere simbolico che, come spiega Direnzo: "Si rende necessaria in quanto la fibromialgia è una patologia subdola per cui non c'è cura, per cui sono necessarie variegate forme di assistenza, da quella psicologica fino a quella chirurgica. E' indispensabile che venga trattata come una malattia, soprattutto tra i tanti operatori sanitari che negano perfino che lo sia".
"Una patologia - spiega Vincenza che ne soffre in prima persona - che io definisco come una piovra che si irradia nel corpo con tentacoli velenosi e porta il dolore ovunque. Per questo abbiamo chiesto una stanza all'interno dell'ospedale San Giovanni di Dio di Orbetello che fungerà da sportello, orientamento e supporto a chi soffre di questa particolare patologia, che indirizzeremo verso una équipe di medici volontari, che si sono messi a disposizione dei malati con empatia e generosità".
L'ospedale San Giovanni di Dio rappresenta un punto di riferimento importantissimo per i malati di fibromialgia: "Quello di Orbetello per noi è un ospedale fondamentale - dice ancora la presidente Direnzo - perché, per le nostre necessità, ci sono dei medici eccellenti e gli spazi contenuti sono assolutamente congeniali e adatti ad accogliere persone che non possono percorrere grandi spazi perché tormentate da un dolore costante. Per questo la nostra associazione è impegnata in prima linea, insieme all'amministrazione comunale, a impedire che l'ospedale di Orbetello venga depotenziato e smantellato. Per salvaguardare il San Giovanni di Dio siamo pronti a batterci con le unghie e con denti".
L'appuntamento con fibromialgia, noi come tutti è domenica alle 10.30 per l'inaugurazione della simbolica panchina viola nell'area skate vicina alla pista di Neghelli e con il gazebo informativo in
piazza del Plebiscito dalle 10 alle 18. Per chi avesse bisogno di informazioni sulla fibromialgia può contattare direttamente l'associazione sui canali social.