Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Orbetello, Adriano Argenio ospite a Rtl 102.5: Mora, la femmina di falco pescatore ha deposto 3 uova

falco pescatore I due rapaci Mora e Orbetello. Foto: Progetto Falco Pescatore

Una splendida notizia arriva dall'oasi Wwf di Burano e Orbetello. A raccontarla è stato il direttore della riserva Adriano Argenio ai microfoni di Rtl 102.5 nel programma Missione Natura. L'oasi maremmana è in festa: Mora, la femmina di falco pescatore, in questi giorni ha deposto tre uova che sta continuando a covare con amore, nonostante il freddo e la pioggia dell'ultimo periodo, sotto gli occhi attenti di babbo Orbetello.

Un evento che i naturalisti seguono con attenzione: la distruzione degli habitat, la caccia illegale e le contaminazioni da metalli pesanti in passato hanno seriamente minacciato la presenza del falco pescatore nei nostri cieli. Il Pandion haliaetus rientra, ancora oggi, tra le specie in via d'estinzione. In Italia, il rapace è tornato a nidificare nel 2011 dopo 42 anni di assenza dalla nostra terra. Ad oggi sono otto le coppie italiane: sei si trovano in Maremma, una a Capraia nel Parco Arcipelago Toscano e una in Sardegna nel Parco regionale di Porto Conte. Il Progetto falco pescatore, nato da una collaborazione tra il Parco Regionale della Maremma e Il Parco della Corsica, ha infatti creato le giuste condizioni per rendere nuovamente accogliente il nostro territorio per questa specie. La dieta del rapace è composta per il 95% di pesce che cattura con acrobatici tuffi, per cui predilige, per lo stanziamento, ambienti costieri ricchi di specchi d'acqua.

Grazie al progetto, le uova deposte nella laguna di Orbetello sono costantemente monitorate: la casa che Mora e Orbetello hanno scelto dal 2018 è infatti un nido artificiale dotato di telecamera. Come ha spiegato Adriano Argenio nel programma radiofonico, il periodo di cova dura all'incirca cinque settimane, dopodichè le uova si schiuderanno a 48 ore di distanza l'una dall'altra. I nuovi pulcini seguiranno le orme di altri tre giovani falchi che hanno abbandonato il nido lo scorso anno: attualmente uno di loro, il più avventuroso, è stato rintracciato grazie al gps sopra i cieli di Trapani in Sicilia.

Ilenia Lauritano è laureata in "Media, comunicazione digitale e giornalismo" alla Sapienza di Roma. Nata in Friuli, cresciuta tra Campania e Lazio, trova finalmente nella Maremma e in Grosseto il suo...