Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Cinigiano, strada Anteata e campo sportivo, il sindaco Romina Sani replica a Fratelli d'Italia

romina sani Romina Sani

La risposta dell'amministrazione comunale alle accuse del centrodestra. "Cari Fratelli d'Italia, quello che non stupisce è che vi siate svegliati proprio con la corsa elettorale. In consiglio comunale in minoranza qual è stato il vostro ruolo? È la prima volta che vi preoccupate del campo sportivo di Monticello Amiata e della strada dell'Anteata": il sindaco Romina Sani replica alle accuse lanciate da Daniele Puggioni, consigliere comunale di minoranza di Fratelli d'Italia.

"Non siete stati neanche attenti agli argomenti delle sedute consiliari, perché avreste saputo che la giunta nel 2022 ha partecipato ad un bando per la strada Anteata per 330. 000 euro sul Pnrr, fondi che purtroppo non sono pervenuti. Così come i fondi richiesti per il muro di Castiglioncello Bandini, sempre su Pnrr per 220.000 euro".

La vera situazione della strada e del campo sportivo
"E allora ci riproviamo, soprattutto adesso che la nuova responsabile dell'ufficio tecnico, architetto Ileana Loria, è molto attiva e sta lavorando bene, insieme ai suoi collaboratori. Le domande al bando per la viabilità non potevano essere presentate prima del 14 marzo. Cosa ha cercato di far notare Fratelli d'Italia sottolineando che l'approvazione dei progetti è avvenuta in giunta con la sindaca assente? La sindaca, quel giorno, si trovava a Roma nella sede del Parlamento Europeo a promuovere il territorio con l'importante iniziativa che ospiterà Eroica Juniores Nations Cup il 19 aprile. Rassicuriamo che la giunta comunale è coesa e attiva e che questa amministrazione, fino all'ultimo giorno di mandato, lavorerà.
Intanto abbiamo provveduto, già dal mese di dicembre scorso, a coprire le buche sulla strada Anteata, per tutelare l'incolumità pubblica, in attesa di un finanziamento. Per l'impianto sportivo di Monticello Amiata abbiamo cercato di lasciare spazio per anni all' unica associazione interessata, che per un lungo periodo l'ha reso vivo, quella dei cacciatori. L'impianto non è più utilizzato da due decenni, perché su Monticello Amiata, purtroppo, non esiste una realtà calcistica".

Nel campo sportivo ci andrà il tiro con l'arco
"La struttura con i locali spogliatoi non è più idonea per essere data in concessione, ma ha bisogno di un importante intervento che l'associazione presente non poteva essere in grado di sostenere. Quindi, al primo bando utile, la giunta ha voluto partecipare, e vuole rassicurare Fratelli d'Italia, che sembrano impegnati a prendere accordi con esponenti di una "certa sinistra" per correre alla scadenza elettorale, che entro il 9 aprile l'ufficio tecnico presenterà il progetto esecutivo, grazie alla progettazione eseguita internamente, facendo il possibile per destinare la struttura anche ad un altro tipo di sport che ben si concilia con il nostro territorio: il tiro con l'arco che potrà inserirsi in un contesto culturale di rievocazione storica dei nostri borghi e castelli. Presentare il progetto esecutivo significa che, ottenuto il finanziamento, l'intervento è cantierabile, quindi, chi verrà si troverà a portare avanti lavori nel pieno rispetto delle tempistiche".

La riqualificazione delle fonti di Castiglioncello Bandini
"Anticipiamo che la giunta, grazie ancora alla responsabile Loria che è stata l'unica ad aver trovato una possibile linea di finanziamento, seguendo l'indirizzo dato dalla stessa giunta, parteciperà ad un bando Ait per la riqualificazione delle fonti di Castiglioncello Bandini e ad alcune misure dei bandi per le aree interne in relazione all'adeguamento sismico dell'edificio caserma dei carabinieri e alla rete culturale con il completamento della ristrutturazione del Polo Culturale di Monticello Amiata. A breve, inoltre, sarà consegnato il resoconto delle tante azioni portate avanti da questa amministrazione in dieci anni dinamici, seppur nelle note difficoltà, mentre Fratelli d'Italia riposava".