Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Castiglione della Pescaia, l'assessore Lorenzini risponde alle critiche di Cesario: "Ha frainteso"

assessore lorenzini L'assessore Susanna Lorenzini

L'assessore al turismo Susanna Lorenzini risponde ad Alfredo Cesario, ex candidato sindaco di Castiglione della Pescaia. Avevamo recentemente pubblicato la reazione stizzita di Cesario all'intervento in consiglio comunale dell'assessore con cui, a suo dire, era stato utilizzato con troppa leggerezza il termine "fascista". Non si è fatta attendere la risposta della Lorenzini che accusa Cesario di esserci completamente sbagliato visto che non era presente in consiglio comunale, ma in collegamento virtuale: "Non ho mai fatto affermazioni sulla Festa della Toscana durante il Consiglio comunale. Dal momento che era collegato da remoto probabilmente Cesario ha confuso persona; ma questo significa anche che non stava ascoltando ciò che stava accadendo in assemblea. Non è possibile partecipare da remoto al Consiglio comunale solo per fare presenza, perché, anche se da remoto, si ricopre comunque il proprio ruolo di rappresentanza di una parte di popolazione che, secondo quanto riportato da Cesario, non ha ricevuto informazioni corrette. Il ruolo di consigliere comunale di opposizione è di fondamentale importanza, ma deve essere espletato con profondo senso di responsabilità".
Al coro di disappunto si aggiunge anche il sindaco di Castiglione della Pescaia Elena Nappi: "Della Festa della Toscana ne ha parlato solo ed esclusivamente la Presidente del Consiglio, Isabelle Mariani, nelle sue comunicazioni istituzionali come la sua funzione prevede per ricordare il motivo per cui si festeggia e quale fosse il tema di quest'anno dedicato al centenario di Don Milani. Mi lascia perplessa, oltre che delusa e amareggiata, il fatto che un consigliere di minoranza faccia un'uscita del genere, non solo fuori luogo, ma del tutto errata sia nelle affermazioni che nella persona che le avrebbe fatte".