Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, approvata in consiglio mozione a sostegno di Mirjam Giorgieri, vittima di odio sui social

Mirjam giorgieri

Il consiglio comunale di Grosseto ha approvato con una votazione unanime la mozione presentata da Grosseto Città Aperta, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle per esprimere solidarietà all'assessora del comune di Follonica Mirjam Giorgieri, vittima di una violenta campagna di odio su Facebook fatta di body shaming e sistematici post sessisti e diffamatori volti a denigrarne la figura di amministratrice e di donna.
Carlo de Martis, capogruppo di Grosseto Città Aperta: "I fatti denunciati dalla Giorgieri, di cui sono vittime anche altri amministratori follonichesi, trascendono infatti l'ambito locale nel quale si sono prodotti manifestando uno spaccato culturale e sociale tanto grave quanto diffuso. Tutti gli studi ci dicono, in particolare, che sono le donne a costituire il bersaglio principale dei messaggi di odio. Il ricorso ad insulti sessisti e in generale a commenti misogini, d'altronde, è figlio di un retroterra culturale patriarcale ancora profondamente arretrato che, dietro il paravento di presunti valori tradizionali, non esprime altro che paure e debolezze radicate nel genere maschile e nei suoi tabu, trovando a livello sociale terreno fertile in modo trasversale."
Alle parole di De Martis si aggiungono anche quelle di Amedeo Gabbrielli consigliere e capogruppo di Forza Italia "Spesso in politica si ricorre ad attacchi personali e a offese, non perché si cerchi di fare di più e meglio dell'avversario politico, ma solo con l'intento di distruggerlo. A volte la solidarietà non dipende solo dal gesto brutale ricevuto, come dovrebbe essere, ma anche da componenti di appartenza politica".