Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, Polo culturale Le Clarisse. Il 2 dicembre la presentazione del libro di Fabio Sorzogni

Fabio Sorzogni Fabio Sorzogni

Un'opera che scava nel dolore umano. David La Mantia presenta il libro di Fabio Sorzogni Giulia e il cacciatore Celeste: l'appuntamento è sabato 2 dicembre alle ore 17 al Polo culturale Le Clarisse di Fondazione Grosseto Cultura.

L'ingresso è gratuito: è possibile prenotare il proprio posto a prenotazioni.clarisse@gmail.com o chiamare dal giovedì i numeri 0564 488066/67.

Un incontro tra due scrittori, nonché docenti, sul romanzo edito da Albatros che trae spunto da Il cacciatore celeste di Roberto Calasso edito da Adelphi.

La protagonista, Laura, è un personaggio compromesso ? si legge nella sinossi ?. Viene da un passato di maltrattamenti, lasciata sola dalla sua famiglia che, ignorando i segnali del suo malessere, si gira dall'altra parte. Si ritrova di nuovo di fronte alla violenza. Una escalation di eventi traumatici. Questo perché lo stupro di una figlia non lede solo la vittima ma anche chi le sta intorno, a maggior ragione una madre che non solo l'ha messa al mondo ma è essa stessa una donna. Poi la morte, situazione innaturale quella di un genitore che sopravvive ad un figlio. La morte accidentale, senza qualcuno a cui dare la colpa, con cui prendersela. Bisogna trovare un capro espiatorio su cui riversare l'odio e la rabbia cumulati negli anni, quale conseguenza dei dolori mai affrontati, sempre arginati con sistemi di fortuna. Di fronte ai traumi della vita si può reagire in tanti modi, la strada migliore sarebbe quella di perdonare ma concedere il dono della rinuncia alla rivendicazione del torto subito è atto quasi sovrumano che la protagonista tenta di realizzare".

Fabio Sonzogni è professore di Storia dell'arte al liceo scientifico del Polo Aldi di Grosseto e all'Università per gli stranieri di Siena. È anche attore e regista teatrale.