Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Grosseto, Confesercenti chiede al Comune un Tavolo sulla pedonalizzazione di Corso Carducci

Dibattito aperto sul centro storico Dibattito aperto sul centro storico

Comune e associazioni cercano l'accordo sulle nuove norme del decoro per il centro cittadino. "I processi di rinnovamento vanno governati", questa la posizione di Confesercenti rispetto alla proposta dell'Amministrazione comunale di Grosseto di rinnovo del Regolamento sul decoro urbano relativo al centro storico del capoluogo. Con questo spirito l'associazione di categoria ha partecipato attivamente al percorso di concertazione insieme alle altre associazioni davanti al vice sindaco e assessore alle attività produttive Bruno Ceccherini. "Le nostre proposte - spiega Marco Di Giacopo responsabile Assoterziario Confesercenti - sono state largamente accolte nel confronto con l'amministrazione, a cominciare dagli elementi di arredo urbano: sedie, tavoli, fioriere e ombrelloni dovranno comunque rispettare dei criteri di uniformità, ma siamo riusciti ad alleggerire e rendere più sostenibile questo processo agli esercenti, smussando il regolamento nelle sue parti più impegnative". "Per la nostra associazione, infatti, è fondamentale che il centro storico di Grosseto sia competitivo, allo stesso livello degli altri capoluoghi della Toscana e questo regolamento è uno snodo cruciale in questo senso. Per questo ci stiamo impegnando in questo processo di mediazione tra il Comune e gli esercenti del centro storico, ai quali - si ricorda - viene chiesto uno sforzo in un momento come questo, di difficile congiuntura economica". "Rimane aperta la questione relativa alle grandi e medie strutture di vendita, vietate anche in questo regolamento, dentro le mura del centro storico. Riteniamo tuttavia sia opportuno, purtroppo, a fronte dello spopolamento commerciale in atto, aprire una riflessione su questo tema: d'altra parte Confesercenti nasce e vive per le imprese di vicinato, ma è innegabile che grandi store potrebbero conferire nuova linfa al centro storico, così da beneficiarne tutti", sottolinea Di Giacopo. Non solo: Confesercenti ha richiesto, a margine dell'incontro, un tavolo di concertazione sulla proposta dell'assessorato alla mobilità in merito alla pedonalizzazione di Corso Carducci.