Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Castiglione della Pescaia, al via il progetto per l'installazione di nove isole ecologiche interrate

Fabio Tavarelli Il delegato all’ambiente, Fabio Tavarelli

Un progetto che rivoluziona la raccolta dei rifiuti. Il Consiglio comunale di Castiglione della Pescaia ha approvato all'unanimità lo schema di Protocollo d'intesa tra Comune, Ato Toscana Sud e Sei Toscana, per la realizzazione delle isole ecologiche interrate.

Si tratta di uno dei 30 progetti presentati da ATO Toscana Sud finanziato dal Mase, Ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica, tramite fondi Pnrr per un importo di oltre 800 mila euro. Saranno nove postazioni, distribuite in punti strategici del capoluogo, corredate da un totem informativo per il corretto funzionamento e un sistema di videosorveglianza per il controllo.

"Un progetto, quello delle isole ecologiche interrate ? commenta il sindaco Elena Nappi ?, che questa Amministrazione auspicava da tempo. Un plauso va all'ufficio Ambiente e al nostro delegato, perché finalmente diamo una svolta in termini di riqualificazione e riorganizzazione ai servizi di raccolta dei rifiuti che rappresentano un settore molto sensibile del nostro territorio. Questo progetto migliorerà sicuramente anche l'impatto estetico del centro storico di Castiglione della Pescaia".

Un'opera importante di decoro urbano che darà il via ad una modalità diversa di concepire la raccolta dei rifiuti. Le isole interrate non solo libereranno spazio che potrà essere adibito ad esempio a parcheggi, sempre carenti in una località turistica come Castiglione della Pescaia, ma sarà anche un valore aggiunto per quelle attività commerciali che gravitano sul centro storico migliorando la vivibilità del paese per i suoi cittadini e per i turisti.

"Con il protocollo approvato oggi ? afferma il delegato all'ambiente Fabio Tavarelli ? abbiamo messo un importante tassello nel progetto generale di riorganizzazione del ciclo di raccolta dei rifiuti sul territorio, finalizzato a renderlo sempre più sostenibile e meno impattante dal punto di vista ambientale. Sia l'interramento delle postazioni centrali, sia la realizzazione della nuova stazione ecologica contribuiranno all'efficientamento del servizio e a raggiungere l'obiettivo di un elevato livello di differenziazione".

La tappa successiva alla sottoscrizione del protocollo d'intesa prevede l'approvazione delle schede progetto e l'affidamento dei lavori entro il 2024. In base al cronoprogramma procedurale il territorio di Castiglione della Pescaia avrà le sue isole ecologiche interrate entro dicembre 2025.