Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Massa Marittima, critica all'opposizione per la scarsa presenza in consiglio comunale

massa marittima

Il gruppo consiliare "Massa Avanti Insieme" con una nota ha attaccato pubblicamente l'opposizione per la scarsa presenza alle sedute del consiglio: "Ormai siamo abituati alle assenze dei colleghi dell'opposizione, che spesso, secondo le opportunità, disertano l'assise come si è verificato anche nell'ultimo consiglio che presentava argomenti importanti, tra cui la relazione e l'informativa da parte della presidente dell'istituto Falusi sull'andamento dell'ASP. Riguardo alla questione Falusi il gruppo consiliare ?Massa Avanti Insieme' esprimere soddisfazione per i risultati raggiunti: i dati presentati proprio in consiglio comunale dimostrano come si possa ricominciare a parlare di un futuro per l'istituto. Questo risultato sicuramente si è ottenuto grazie al costante impegno del primo cittadino, Marcello Giuntini e grazie anche all' operato attento e puntuale del commissario prima e presidente del cda adesso, dott.ssa Francesca Mucci. A nome del gruppo consiliare ?Massa Avanti Insieme' esprimo un pubblico ringraziamento perché risanare le finanze dell'Istituto Falusi significa aver preservato un ente storico nella nostra città ed aver garantito e mantenuto sia i numeri in termini occupazionali, che il livello di assistenza alla persona per gli ospiti della struttura.
Come ultimo punto all'ordine del giorno del Consiglio, il gruppo ?Massa avanti insieme' aveva presentato una mozione sugli effetti negativi che i nuovi parametri di dimensionamento scolastico produrranno. Trattandosi di un argomento, quello degli accorpamenti scolastici, molto delicato, anzi cruciale per il futuro degli studenti e per il mantenimento della qualità dell'offerta formativa soprattutto in territori complessi come quello in cui abitiamo, tutto il gruppo consiliare di maggioranza ha deciso di ritirarla e ripresentarla al prossimo consiglio comunale, con l'auspicio che le forze di opposizione siano presenti e che si possa sviluppare un dibattito proficuo con i dovuti approfondimenti da parte di tutti i gruppi consiliari".